biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

giovedì
24
novembre
venerdì
9
dicembre

Elsa Morante: “In Tibet con Asia onlus”

24 novembre - 9 dicembre 2011

venerdì 9 dalle 17.30

Venerdì 9 dicembre prevede tre appuntamenti alla Biblioteca Morante.

Alle ore 17.30:  "il cinema laico" proiezione del film “Rosso come il cielo” di
Cristiano Bortone. Italia 2005.

                  
Alle ore 20.30  Biblioteche solidali presenta il progetto “In Tibet con Asia onlus”,
a cui segue la proiezione del flm “LA COPPA”di Khyentse Norbu.

La Coppa

Due adolescenti tibetani, Palden e Nyma, vengono inviati dalla famiglia in un monastero in esilio alle pendici dell'Hymalaya. Accolti dall'anziano Lama con parole di conforto per la lontananza della madre, i due vengono ammessi al rito dell'ordinazione e subito avviati alla vita monastica. Orgyen, il compagno di stanza di Palden, ha quattordici anni e, durante la preghiera comune, fa gesti di intesa e scambia biglietti con un altro poco distante. Poster e manifesti attaccati alla stanza rivelano che Orgyen è appassionato di calcio e la sua testa è rivolta ai campionati del mondo in svolgimento in Francia. Insieme a Lodo, Olgyen coinvolge Palden nelle fughe notturne per andare a vedere le partite nella sala TV del vicino villaggio. Geko, il responsabile della disciplina, una notte li scopre mentre tornano in camera. Dovrebbe seguire l'espulsione dei tre, ma Orgyen, fattosi coraggio, suggerisce invece di noleggiare un apparecchio e vedere la partita finale nel monastero stesso. Con sorpresa di tutti, la proposta è accolta. Orgyen allora pensa all'organizzazione: con l'unico noleggiatore del paese, tratta il prezzo dell'apparecchio, si fa dare un'antenna parabolica che viene posizionata sul tetto, prepara la sala. Tutti si ritrovano davanti al piccolo schermo per la conclusione dei campionati. Poi l'anziano Lama si ritira in preghiera. Adesso la vita del monastero può riprendere i ritmi di prima.

Khyentse Norbu, il regista de La Coppa, è egli stesso un Lama reincarnato della tradizione buddista, nato nel Bhutan, con studi pregressi in Sikkim e India. Ha conosciuto il cinema durante l'adolescenza ed è stato aiuto regista di Bertolucci per Il Piccolo Buddha, tanto che Bertolucci ha visionato un primo montaggio di questo film, dando dei suggerimenti. Norbu ha poi diretto un paio di cortometraggi (Etto Metto e The Big Smoke) ed ha intrapreso un sodalizio con l'architetto australiano Malcolm Watson, costruttore di centri di ritiro spirituale per i suoi corsi e poi produttore del film. Il pretesto dell'incontro tra la pratica buddista e i mondiali di calcio è l'occasione per lo spettatore occidentale per rivedere la sua immagine della disciplina orientale in senso demistificante. Demistificante nel senso che il film è disseminato qua e là di scene, particolari, atteggiamenti che sconvolgono la nostra visione tradizionale di tipo proiettivo. Lo spettatore, aldilà del suo livello di cultura, troverà certi comportamenti dei monaci buddisti in contrasto con l'idea comune che si ha dell'ascetica pratica monastica - idea, è bene sottolinearlo, che molto dipende dalle religioni occidentali. Lo sforzo che la visione del film impone, di uscire dai luoghi comuni e tentare un approccio nuovo con quella cultura, sarà più o meno facile da persona a persona ma è assolutamente appagante.



 

ELSA MORANTE - Via Adolfo Cozza 7, 00121 Roma Tel. 06 45460421

elsamorante@bibliotechediroma.it 

Fa parte di

Elsa Morante: dicembre della solidarietà