biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

giovedì
24
gennaio
domenica
27
gennaio

Babilonia Teatri al Palladium con due spettacoli: The rerum natura e Pinocchio

24 - 27 gennaio 2013

Palladium the rerum natura 24 e 25 gennaio h 20.30; Pinocchio 26 e 27 gennaio Sabato h20.30 e domenica h17

The Rerum Natura è per Babilonia Teatri l’occasione di tornare sul loro precedente The End, con una nuova elaborazione, dove si affrontava il tema della morte come momento della vita, elaborando i motivi esistenziali in uno stridente cortocircuito contemporaneo che ne amplificava gli aspetti sociali e individuali.
In scena in The Rerum Natura ci saranno infatti tre persone, una bambina, una giovane e una donna anziana, a rappresentare le diverse età dell’esistenza. Spiegano Raimondi e Castellani: «The Rerum Natura nasce dalla voglia di legare insieme l’indagine che abbiamo condotto sulla morte, rappresentata dal nostro precedente spettacolo, The End, e quella che intendiamo intraprendere prossimamente sulle età della vita». Così, storpiando leggermente il titolo del celeberrimo poema a sfondo filosofico di Lucrezio Caro dedicato all’epicureismo,
Pinocchio,l'altro spettacolo, la nuova peripezia di Babilonia Teatri, è uno spettacolo che parla della vita che si risveglia dal coma, portandone in scena i segni, le debolezze, la forza, le durezze e i suoi protagonisti, con il loro dolore a anche la loro inaspettata e liberatoria comicità. Conosciuti per il loro teatro dai tratti crudi e iperrealisti, le loro opere create attraverso elaborati collage di testi presi da giornali, dialoghi colti per strada, televisione, radio, i “babilonesi” Valeria Raimondi ed Enrico Castellani stavolta non solo si confrontano con il reale ma lo portano dentro al teatro e lo offrono direttamente al pubblico: Pinocchio è infatti realizzato con gli Amici di Luca, associazione teatrale formata da persone uscite dal coma, che si auto rappresenteranno in scena. Lo spettacolo nasce dalla semplice domanda che Castellani e Raimondi hanno rivolto ai membri dell’Associazione: «Perché fate teatro?» La risposta è stata: «La società ci ha respinti, accantonati, isolati, fare teatro è l’unica possibilità per tornare a mettere un piede dentro la società». E dunque, fuori da ogni copione Pinocchio si articola sulle trame del vissuto di queste persone, attori non attori come li definisce Castellani, che dalla postazione audio con la sua voce fuori campo senza paure o falsi pudori li stimola con domande talvolta ironiche e magari poco riguardose. In filigrana ci sono Le avventure di Pinocchio di Carlo Collodi, con la marionetta legnosa che diventa un ciuchino e poi perfino un bambino: emblema della trasformazione anche dolorosa, Pinocchio alla fine della prima parte del libro cade anche lui in uno strano stato di coma, tra il grillo parlante, magari rappresentato dalla voce fuori campo, il paese dei balocchi e Lucignolo.

PROMOZIONE icsritti newsletter a € 10,00 anzichè € 15,00 Informazioni sulle riduzioni Bibliocard per teatro Palladium su  www.bibliocard.it.