biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

venerdì
14
giugno

Reportage dal Libano

14 giugno 2013

venerdi' 14 giugno ore 19

Reportage dal Libano di Antonella Colonna Vilasi, esperta di intelligence.


vilasi

"Il Libano è un Paese che ha attraversato guerre e devastazioni e che ora è in cerca di pace. Ma sul suo futuro incombe l'ombra della crisi siriana". Antonella Colonna Vilasi, esperta di intelligence, sceglie Affaritaliani.it per parlare del suo ultimo libro: 'Reportage dal Libano'. "E' una collezione di interviste, con uno sguardo verso la crisi siriana e la geo-strategia dei Paesi dell'area. L'analisi si concentra sul ruolo di Hezbollah, un movimento radicale islamico che è diventato un partito politico e che ora partecipa alla vita pubblica del Paese". E sul ruolo degli italiani afferma: "La presenza della missione Unifil, con il suo 'approccio italiano' fatto anche di dialogo e aiuto della popolazione locale, ha reso possibile la risoluzione pacifica di un conflitto che stava devastando il sud del Paese".


Il libro è un'insieme di interviste dal Libano, in cui ovviamente la crisi siriana e la geo-strategia dei Paesi dell'area fanno da protagonisti, e ripercorre la storia del Paese concentrandosi sull'attualità.


Il tema centrale si concentra sul ruolo di Hezbollah,  partito politico e che ora partecipa alla vita politica del Paese e contestualmente  movimento rivoluzionario e radicale islamico. E' stato scritto e pubblicato in tempi strettissimi, che cerca tuttavia anche di delineare quello che sta succedendo in Medio Oriente, attraverso pareri contrapposti.

Per esempio quello del generale Serra che è al comando della missione Unifil, un'esame del  presidente libanese e  una del  capo delle relazioni estere di Hezbollah, il paree di una dirigente ministeriale.

L'autrice non tralascia certo il pensiero delle persone comuni che parlano della guerra e delle speranze per un libano ormai senza conflitti, ma con la paura che la crisi siriana possa contagiare il Paese. 

ENZO TORTORA - Via Nicola Zabaglia 27/B, 00153 Roma - Tel. 06 45460601

enzotortora@bibliotechediroma.it

Beirut è uscita da tante guerre  e ora è in cerca di pace, fatta di molte realtà che rispecchia la complessità del Medio Oriente.

Il Libano è un Paese multiconfessionale: il Presidente della Repubblica deve essere cristiano maronita, mentre il Presidente del Parlamento sunnita. Le cariche sono suddivise in base alla confessione.

La presenza dei militari italiani al confine tra Libano e Israele ha contribuito a pacificare quell'area, con il suo 'approccio italiano' fatto anche di dialogo e aiuto della popolazione locale, ha reso possibile una risoluzione pacifica di una guerra che stava sfregiando, distruggendolo,  il sud del Paese.