biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

martedì
19
marzo
domenica
24
marzo

Palestina: Diario di vita e guerra. Racconti e testimonianze anonime.

19 - 24 marzo 2013

Teatro di Documenti dal 19 al 24 marzo 2013

Il  popolo palestinese vive un’occupazione da quarant’anni. L’ironia è un’arma necessaria per fare i conti con le difficoltà del quotidiano. Le giornate scandite dal rumore dei cingolati in pattuglia, dal suono violento di porte abbattute, dalle ispezioni a tappeto, le nottate spese nel tentativo di entrare in contatto con gli amici lontani.
Bombardamenti, checkpoint o coprifuoco, riguardano tutti: anziani e bambini sono costretti in casa per giorni, senza contatti con l'esterno, privati delle condizioni minime di igiene e di dignità. In questo scenario la decisione di tenere un diario diviene quasi naturale per registrare l'allucinante realtà, per ripensare ai ricordi più felici, per recuperare soprattutto una dimensione umana che sembra irrimediabilmente persa per tutti. La messa in scena fa viaggiare lo spettatore in un percorso che si trasforma continuamente in labirinti di vita e morte, rendendo il pubblico partecipe di una tragedia umana che si trascina ormai da decenni. Come in un viaggio attraverso la storia, una storia universale di paura e di umanità, di violenze e di solidarietà, in cui trovano posto gli abbracci di chi si ritrova dopo un lungo silenzio, le corse per fare la scorta di cibo fino al prossimo imprevedibile coprifuoco, le scaramucce con una suocera petulante e confusionaria, con cui si dipana una convivenza improbabile quanto preziosa per cogliere i risvolti più intimi ed inaspettati della questione politica che investe la regione israeliano-palestinese. Uno sguardo lucido e tagliente, solo a tratti smussato solo nei momenti in cui dolore e paura fanno breccia, provocati da un assedio brutale ed interminabile. 

GASTON TROIANO, diplomato all’Accademia di Arte Drammatica di Buenos Aires, attore, regista, con grande esperienza nell’insegnamento e nella regia di teatro gestuale, in clown circense e teatrale. Ha lavorato in Argentina, Brasile, Colombia, Cuba, Messico, Guatemala, Ex Jugoslavia, Spagna, Francia, Svizzera e Italia. Molto diversificata la natura dei progetti sviluppati: di educazione interculturale, di teatro di strada, di clown circense e teatrale, clownterapia, con comunità Aynara in Latinoamerica e con gruppi zingari in Spagna e Italia.

Biglietto ridotto a presentazione della Bibliocard.