biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

martedì
25
febbraio
domenica
16
marzo

LA TEMPESTA di William Shakespeare Regia di VALERIO BINASCO

25 febbraio - 16 marzo 2014

Teatro Vascello dal 25 febbraio al 16 marzo 2014

Per il nuovo allestimento di una delle pièce più 'magiche' di Shakespeare, appartenente alla sua ultima fase creativa - quella dei 'romances' in cui rielabora, in dimensione mitica e sacrale, le grandi tematiche delle tragedie e commedie precedenti .
Biglietto ridotto Bibliocard 15,00 euro



NOTE DI REGIA

Shakespeare è il miglior amico dell'umanità.  Nessuno l'ha compresa e raccontata meglio di lui. Quando si legge, o ancor meglio, quando si recita Shakespeare, la tragica inutilità dell'esperienza di vivere sembra invece un dono, un'occasione straordinaria.  Io debbo a lui più di una nascita, più di una salvezza. L'ultima è forse la più significativa:  nel suo nome abbiamo fondato la Popular Shakespeare Kompany, con attori che nel giro di pochissimi anni hanno portato in giro per l'Italia ben tre grandi classici del suo repertorio. Quest'anno la Popular Shakespeare Kompany  presenta nei teatri sia Il Mercante di Venezia che La Tempesta.  Il grande successo che festeggia i nostri spettacoli ci dice che il pubblico ha ancora un incessante bisogno della magia del suo teatro.  Shakespeare, per noi,  è il teatro. Un teatro così grande che sconfina nella nostra vita, che ci rivela continuamente qualcosa. Il dono più grande che si possa ricevere da un artista, è la sua Vitalità. La vitalità è felicità per la vita. Shakespeare è questo. I nostri spettacoli scommettono tutto sul magico riaccendersi della Vitalità, e ogni volta che si cominciano le prove di un suo testo, veniamo presi e trascinati in una corrente di sentimenti e di rivelazioni, di cui poi ci sforziamo di essere i testimoni 'viventi' sulla scena. Quando ci riusciamo anche solo un po', ci pare di aver partecipato a una festa. La festa di essere vivi, qui adesso.  Solo in quei rari momenti ci ricordiamo che facciamo il Teatro per essere felici.