biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

mercoledì
26
dicembre
domenica
3
febbraio

La Dea dell'amore di Woody Allen con Antonello Avallone

26 dicembre 2012 - 3 febbraio 2013

Teatro dell'Angelo dal 26 dicembre 2012 al 03 febbraio 2013

Per la prima volta in Teatro, per concessione di Woody Allen, arriva uno dei più divertenti film di Allen degli ultimi anni. Paradossale, imprevedibile e autoironico, Allen mescola le abituali nevrosi newyorkesi
con il piacere per la messa in scena, sostituendo il tradizionale lettino dello psicoanalista con personaggi da coro greco. La versione teatrale rispetta fedelmente il testo e restituisce una grande comicità, arricchita da gustosi siparietti a sfondo sessuale, che risultano la parte più esilarante dello spettacolo, già pervaso da una grande comicità accessibile anche al pubblico italiano. Il personaggio del corifeo, ruolo interpretato nel film dal grande Murray Abraham, raccoglie e restituisce tutta l’ironia del capo del coro greco e divide con Avallone - Allen una serie di divertentissimi dialoghi che fondono i più alti concetti filosofici con la spicciola quotidianità della vita. Lenny, giornalista sportivo sposato con Amanda, si lascia da lei convincere ad adottare un bambino. Il bimbo, con la sua intelligenza e vivacità, lo strega al tal punto da fargli nascere l'ossessione di scoprire quali siano i reali genitori. La ricerca ha risultati sconcertanti: la madre è tale Judy Orgasm, il cui nome d'arte è tutto un programma. L'attonito Lenny intraprende così una strana e per lo più platonica relazione con la giovane attrice porno e prostituta a tempo perso, alla quale cerca di procurare un minimo di rispettabilità. Parallelamente deve tenere a bada una moglie irrequieta e uno strano coro greco con velleità canterine, che fa da contrappunto alle sue decisioni. Unico, da non perdere, interpretato e diretto da Antonello Avallone, definito dalla critica di tutta Italia il Woody Allen italiano, già dal 1992.