biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

martedì
10
settembre

Kim Young-ha incontra Fabio Stassi

10 settembre 2013

Martedì 10 settembre ore 15


 

In occasione della premiazione dei vincitori del Korean Literature Essay Contest

 

Kim Young-ha autore di Che cosa ci fa un morto nell’ascensore?

incontra

Fabio Stassi autore de L’ultimo ballo di Charlot.

 


Il Korean Literature Essay Contest è un concorso di saggistica volto a promuovere e offrire una prospettiva più ampia della letteratura coreana agli studenti stranieri che si avvicinano agli studi coreani.

Il concorso è stato organizzato dalla cattedra di Lingua e Letteratura Coreana del dipartimento di Studi Orientali (ISO), in collaborazione con la LTI Korea (Korea Literature Translation Institute).

 

I partecipanti, studenti iscritti al corso di laurea in Lingue e Civiltà Orientali presso il Dipartimento Italiano di Studi Orientali, hanno elaborato un testo in italiano in seguito alla lettura del romanzo di Kim Young-ha.

Ospite d’onore della cerimonia di premiazione, Kim Young-ha è tra i più significativi scrittori della letteratura coreana contemporanea.

Nell’occasione incontra Fabio Stassi, recente vincitore del Premio Cielo D’Alcamo 2013 per L’ultimo ballo di Charlot.

 

Intervengono:

 

Bae Jae-hyun, Ambasciatore della Repubblica di Corea in Italia

Matilde Mastrangelo, (Sapienza Università di Roma)

Antonetta L. Bruno, (Sapienza Università di Roma)

Jung Imsuk (Sapienza Università di Roma)

Kim Young-ha L'autore è nato nel 1968 a Hwacheon, Corea del sud ed è laureato in Business Administration presso l'Università Yonsei a Seoul. E' considerato in Corea e all’estero il capofila della nuova generazione letteraria coreana. Inizia a scrivere i suoi racconti su Internet e nel 1995 pubblica il primo romanzo breve, con cui vince il premio letterario come migliore “Giovane scrittore”. È il primo di una lunga serie di premi. Intellettuale versatile, laureato in Economia e Commercio all’Università di Yonsei a Seul, ha fatto il DJ e l’attore. Attualmente è docente alla Korea National University of Arts (KUNA) di Seul. Alcuni suoi libri sono stati portati con successo sul grande schermo. Che cosa ci fa un morto nell'ascensore (O barra o edizioni, 2008): Per la prima volta tradotti in Italia, questi racconti sono cinque piccole perle nel panorama letterario coreano contemporaneo. Cinque pezzi di bravura di Kim Young-ha, giovane scrittore dallo stile schietto, graffiante, senza fronzoli ma di una efficacia disarmante. I racconti sono ambientati a Seul, la città dell’ipertecnologia, una città di luci, grandi complessi residenziali e centri commerciali. I personaggi si muovono nella società urbana contemporanea, immersi in un convulso fluire di eventi, in situazioni paradossali e bizzarre, vivendo storie inquietanti con finali a sorpresa. Un filo comune unisce le cinque storie. Tutte raccontano la vita di persone in qualche modo “incastrate” in determinate situazioni, tutte lasciano avvolti nel dubbio. È semplice riconoscersi in personaggi e situazioni così sfacciatamente reali e trovare nel dubbio un quesito esistenziale. Bigliografia L'impero delle luci, Milano, Metropoli d'Asia, 2013 Your Republic is calling you, New York: Mariner, 2010 Che cosa ci fa un morto nell'ascensore, Milano, O barra o edizioni, 2008 I have the right to destroy myself, New York, Harvest, 2007 Black flower, vincitore di Dong-in Literary Award del 2004       


Fabio Stassi
L'autore di origini siciliane è nato nel 1962 a Roma ed è laureato in Lettere e Filosofia presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza nel 1986 con votazione di 110 e lode. Attualmente dirige la Biblioteca del dipartimento di Studi Orientali dell’Università La Sapienza di Roma e ha fondato nel 1994 presso la Biblioteca dove lavora il “Gruppo Attività Biblioteca” con il quale ha organizzato una serie di presentazioni di libri, mostre e incontri . Dal 2005 al 2011 nella Biblioteca Federico Chabod ha organizzato insieme ai prof. Piero Bevilacqua e Maria Clara Castelli “Gli incontri del giovedì”, un appuntamento bisettimanale di iniziative culturali. Come autore ha ottenuto dei riconoscimenti importanti al livello nazionale e internazionale come Premo Vittorini per il miglior esordio per Fumisteria, Premio Palmi 2009 per La rivincita di Capablanca, Premio Cielo D’Alcamo 2013 per L’ultimo ballo di Charlot. L'ultimo ballo di Charlot: Una prosa venata di malinconia accoglie le confessioni del grande comico inglese Charlie Chaplin, inventore di una delle figure artistiche più originali del ventesimo secolo, che scrive una lunghissima lettera al figlio più giovane Christopher, avuto in tarda età. L'emozione del cinematografo, Charlie Chaplin anziano, la morte e l'importanza di una risata per cui ''un giorno senza sorriso è un giorno perso''. Fabio Stassi è riuscito a mettere insieme tutti questi elementi in un romanzo rocambolesco, che tocca temi universali, con cui è nella cinquina del Premio Campiello. Il vincitore sarà scelto il 7 settembre al Teatro La Fenice di Venezia. Bigliografia L’ultimo ballo di Charlot, Palermo, Sellerio, 2012 Holden, Lolita, Zivago e gli altri. Piccola enciclopedia dei personaggi letterari (1946-1999), Roma, Minimum Fax, 2010. La rivincita di Capablanca, Roma, Minimum Fax, 2008. È finito il nostro carnevale, Roma, Minimum Fax, 2007. Fumisteria, Messina, GBM, 2006.  


CASA DELLE TRADUZIONI
- Via degli Avignonesi 32, 00187 Roma - Tel. 06 45460723 – 06 45460720 casadelletraduzioni@bibliotechediroma.it