biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

lunedì
17
dicembre
lunedì
31
dicembre

Io ricordo Anna Magnani (1973-2013) le celebrazioni

17 - 31 dicembre 2012

Lunedì 17 dicembre ore 10.15 presso AGIS (Associazione Generale Italiana dello Spettacolo) Via di Villa Patrizi, 10 (Ingresso per il pubblico: Via Gabriele Falloppio 1)

Giorgio Assumma – presidente dell’Istituto Giuridico dello Spettacolo e della Informazione, Luciana Della Fornace – presidente Agis scuola, Dino Gasperini – Assessore alle Politiche Culturali e Centro Storico Comune di Roma, Giorgio Ginori – direttore artistico “L’Isola del Cinema”, Pietro Innocenzi – produttore cinematografico, Matteo Persica – presidente “Associazione Amici di Anna Magnani”, Lorenzo Salveti – direttore Accademia d’Arte Drammatica Silvio D’Amico, Maria Teresa Barracano Fasanelli - Presidente Onoraria Associazione “Peter Pan”hanno presentato il progetto IO RICORDO ANNA MAGNANI, che vedrà coinvolte anche le Biblioteche di Roma per tutto l'anno 2013



 

 

 

Il volto, lo sguardo intenso e pungente, la voce calda di Anna Magnani tornano a rivivere in una ricca programmazione culturale che coinvolgerà per tutto il 2013 l’Italia e l’estero. Arriva infatti “Io ricordo Anna Magnani” (1973-2013 Le celebrazioni), un’iniziativa concepita, in occasione del 40° anniversario dalla scomparsa dell’attrice simbolo del neorealismo, con il segno della festa e con il rigore dell'impegno per far conoscere e ricordare una delle più grandi interpreti del ‘900. Incontri, retrospettive, mostre, convegni, progetti per le scuole e le Università, un nuovo documentario, la biografia completa, la seconda edizione del “Premio Anna Magnani” (la prima edizione, nel 2012, ha visto tra i vincitori: Franca Valeri e Franco Zeffirelli).

 

L’iniziativa, che si presenta come il primo grande omaggio alla Magnani, mira a divulgare le sue opere, i suoi personaggi, ma anche il pensiero della donna, oltre che dell’artista. Di sicuro non femminista, ma capace di costruirsi una carriera di successo (nel 1956 vinse il primo Oscar per l’Italia con “La rosa tatuata”) basandosi soltanto sul suo talento, senza mai scendere a compromessi. << Sono felice di essere riuscito a coinvolgere personaggi di grande spessore culturale all’interno di questo progetto. – a parlare è Matteo Persica, giovane presidente dell’ Associazione Amici di Anna Magnani (classe 1982) - “Io ricordo Anna Magnani” è un grande evento a livello internazionale che coinvolgerà tutti, dai bambini agli anziani. Per non dimenticare, per dar luce e nuova vita ad un periodo storico del nostro Paese, non per commemorare con rimpianto ma per dare la possibilità a chi ancora non l’ha avuta di scoprire e, ci auguriamo, apprezzare la grandezza artistica ed umana che la Magnani personifica. Un grande esempio, sia a livello artistico che umano, è questo che Anna Magnani ancora oggi, attualissima, ci può donare.” |

 

“Io ricordo Anna Magnani – le celebrazioni” è organizzato da Associazione “Amici di Anna Magnani”, con il patrocinio gratuito di: Agis scuola, Accademia d’Arte Drammatica Silvio D’Amico, Accademia del Cinema Italiano-Premi David di Donatello, Biblioteche di Roma, Roma Capitale-Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico, L’Isola del Cinema, Reporters Associati, ed un comitato d’onore composto da:, Giorgio Assumma, Carlo Di Carlo, Maurizio Costanzo, Luciana Della Fornace, Giorgio Ginori, Pietro Innocenzi, Citto Maselli, Franco Montini, Gian Luigi Rondi, Lorenzo Salveti, Franco Zeffirelli.

 

L' Associazione "Amici di Anna Magnani" ha scelto di legare ogni evento di "Io ricordo Anna Magnani-le celebrazioni" ad una realtà solidale quale l' Associazione "Peter Pan Onlus" - “Medaglia d’Oro al Merito della Sanità Pubblica” - nata nel 1994 dal desiderio di un gruppo di genitori di bambini malati di cancro di offrire ad altre famiglie un aiuto concreto per affrontare nel migliore dei modi la dura esperienza della malattia. Per tutti loro ha creato "La Grande Casa di Peter Pan", tre strutture attigue dove 33 nuclei familiari trovano accoglienza gratuita in un clima di serenità che possa restituire ai bambini quella normalità che la malattia nega loro.