biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

giovedì
19
aprile
sabato
21
aprile

In prima nazionale Voci Medea con i Danzatori Compagnia Aleph ispirato al libro di Christa Wolf

19 - 21 aprile 2012

Teatro Cassia di Roma 19 – 20 – 21 Aprile 2012 ore 21

Liberamente ispirato al libro “Medea -Voci “ di Christa Wolf, lo spettacolo analizza nello spazio evocativo della danza le molteplici sfaccettature dell’animo selvaggio e sapiente della Donna-Medea. Tante vite in una, tante modulazioni diverse di una unica voce. I gemiti-suoni propri della ancestrale ed indomita natura femminile. Il ricordo, innanzitutto, della passione per l’Uomo-Giasone, che ha risvegliato l’universo percettivo del corpo e dell’eros in tutte le sue primitive pulsioni e vibrazioni, pulsioni che stridono con l’ineluttabile “atto sociale“ del Matrimonio. Il ricordo del tradimento dell’Uomo-Giasone con la Giovane Amante-Glauce che offre il viatico necessario alla ululante voce della gelosia, condannata necessariamente a rimbalzare indietro come eco di dolore. Il ricordo, infine, della Madre-Medea che procrea spontaneamente a seguito di un atto inevitabile d’amore e che come Terra che germoglia giunge a riappropriarsi, in modo naturale, dei suoi stessi frutti; il ricordo di una Madre che si sente libera di seguire le sue Voci e di tornare nell’originario spazio atemporale dell’Ade . Questa scelta dolorosa le permette di accorgersi che lì non c’è infanticidio, ma solo destino, che non c’è madre o figlio, colpa o perdono: lì tutto è compiuto …..le Voci si distorcono e lentamente si allontanano per dilatarsi nella musica del Silenzio …..
Il progetto che la Compagnia Aleph ha in questi anni portato avanti con grande determinazione  tramite l'allestimento di spettacoli dedicati al mito di Cassandra, di Orfeo, di Arianna ecc. è, appunto, volto ad approfondire le radici della danza contemporanea, a rintracciare le sue valenze semantiche, a ricollocare la danza nel suo ambito originario d'elezione che è un ambito legato, innanzitutto, all'esperienza del sacro, di quel sacro di cui il Mito ha raccontato le vesti tumultuose relative al suo affioramento in superficie.

Ridotto Bibliocard da € 16,00 a € 8,00