biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

giovedì
4
aprile
domenica
7
aprile

Helver's night di Ingmar Villqist con Miriam Spera e Patrick Pawlak

4 - 7 aprile 2013

dal 4 al 7 aprile 2013 ore 21(domenica h. 19) Teatro Abarico via dei Sabelli 116

La notte di Helver è ambientata in una località della Finlandia all'inizio degli anni '40, agli albori della nascita del nazismo. Il minorato psichico Helver affascinato dalle azioni punitive delle squadre fasciste vorrebbe seguirle e prendervi parte ma Carla, la donna che si prende cura di lui , non vuole.
Per impedirgli di uscire e di rischiare la vita, la donna asseconda la passione militare di Helver accettando perfino di ricostruire in casa un campo d'addestramento e di sottoporsi ad un estenuante training per diventare un bravo soldato. L'amore materno di Carla la porterà ad una scelta difficile... 
Lo spettacolo "Helver's night" di Ingmar Villqist è parte di un progetto all'interno della VII Rassegna di Teatro Internazionale organizzata dall'Istituto Teatrale Europeo (I.T.E.) ed è una coproduzione tra Italia e Polonia patrocinata dall'Istituto Polacco di Roma
La novità della rappresentazione consiste nel fatto che in scena troviamo una attrice italiana, Miriam Spera ed un attore polacco Patryk Pawlak che interpreteranno i loro personaggi ognuno nella propria lingua. È indispensabile dire che la cura del testo è stata finalizzata alla comprensione più esaustiva da parte sia degli spettatori polacchi sia da quelli italiani.
La sfida consiste proprio nel far sì che tutti comprendano la forte e coinvolgente vicenda dei due interpreti superando le barriere linguistiche .
Del resto la regista Mariagiovanna Rosati Hansen è nota per aver diretto già spettacoli multi linguistici in coproduzione con la Spagna, Francia e Germania dove gli attori recitano insieme ognuno nella propria lingua senza che questo renda meno fruibile il testo.
Famose sono le sue regie con 300 attori di 15 Paesi diversi dell'Antigone nel 2007 e "Orestiade" nel 2008 al Festival Rencontres du Jeune Theatre Européen a Grenoble.