biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

martedì
11
marzo

Gabriela Montero pianoforte "Il mio debutto a Roma"

11 marzo 2014

Istituzione Universitaria dei Concerti Martedì 11 marzo 2014 ore 20.30 Aula Magna – Sapienza Università di Roma Piazzale Aldo Moro 5

Una qualità straordinaria della Montero è la grande complessità di pensiero musicale che sorregge le sue improvvisazioni, che non temono di affrontare i più ardui passaggi contrappuntistici: dunque non si tratta affatto, come magari qualcuno potrebbe credere senza averla sentita, di esibizioni superficiali ed effettistiche. Quando Martha Argerich l'ha ascoltata, le ha detto: "Tu devi condividere questo dono con il mondo"; è quel che lei sta facendo da dieci anni, anche al festival della Argerich a Lugano, dove è inviatata ogni anno.
Che si tratti di una pianista completa, la Montero lo dimostrerà nella prima parte del concerto, quando eseguirà due capolavori del pianismo romantico, entrambe stupendi ma diversissimi tra loro.
Di Johannes Brahms si ascolteranno i quattro Intermezzi op. 117: scritti nel  1892, sono tra le sue ultime composizioni, apparentemente semplici ma con armonie e timbri raffinatissimi, che immergono in atmosfere raccolte, talvolta malinocniche, ma sempre sorrette da una serenità di fondo. Sono stati definiti: "tre paesaggi autunnali, ... che rimangono sempre nelle mezze tinte e nel chiaroscuro".
Poi di Robert Schumann la Fantasia op. 17 del 1836, che è invece un'opera giovanile, fantastica e appassionata. Forse a causa della sua terribile difficoltà Schumann la dedicò a un inegualiabile virtuoso come Franz Liszt, che la giudicò "meravigliosa e magnifica".