biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

Al cinema Trevi la retrospettiva "Sotto il segno dei fratelli Taviani"

fino al 20 settembre 2012

dal 13 al 20 settembre Cinema Trevi, vicolo del Puttarello 25

Dopo il successo di "Cesare deve morire", una grande occasione per rivedere in pellicola tutto il cinema dei fratelli Taviani. Dal 13 al 20 settembre al cinema Trevi la retrospettiva "Sotto il segno dei fratelli Taviani" «Il cinema di Paolo e Vittorio Taviani è, a una prima lettura, difficile. Difficile a comprendere, ma innanzi tutto ad amare. È innegabile che vi sia un percorso intricato senza il quale è impossibile accedere all'opera, poiché i registi medesimi hanno cosparso di ostacoli questo cammino; ma sarebbe proprio del lettore attento individuarli e rimuoverli. Una maschera copre sempre il volto dell'immagine, lo ripara e con esso le idee pudiche degli autori. L'istanza politica, la prepotenza della cronaca, il documento e l'intervento sono solo le ombre, i sipari, che in realtà celano i corpi, non inanimati, ma sommersi dalla vita, dalla Storia, a cui vogliono rispondere e interrogare. Cronaca e Storia, presenti in ogni film, sono divenute esse stesse personaggi di una recita a soggetto, di una messa in scena, ove ognuno, nessuno escluso, è schiavo delle convenzioni della finzione. Il concreto, la sua somiglianza con l'immagine proposta dallo schermo, la presunzione della sua veridicità e di un suo possibile riscontro ha determinato - col dover essere dei due fratelli sempre con gli uni o con gli altri - fraintendimenti, confusioni, l'offuscamento della lettura dei film, rimasti per lo più mal compresi». Ripartiamo dall'incipit de Il Castoro di Fulvio Accialini e Lucia Coluccelli, datato 1979 (non a caso dopo Padre padrone), per fare luce sul cinema dei fratelli Taviani che continuano a cospargere di ostacoli le nostre visioni e a spingerci a superarli per ritrovare le radici di un'opera fortemente legata alla Realtà, seppur in continua mutazione. Ed è propria in questa mutazione la ragione, forse, della loro imperterrita sfida.


Biglietto ridotto bibliocard  a 3 euro. Abbonamento per 10 ingressi al prezzo di 20 euro. Questa tessera è straordinariamente conveniente avendo durata di un anno, ed essendo non nominale (ovvero anche i vostri ospiti possono usufruire di un ingresso a due euro dei vostri 10).