biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

martedì
12
luglio
sabato
31
dicembre

Agente sacrificabile di Filippo Colizza

12 luglio - 31 dicembre 2011

Sezione Esordienti, ed. Mondadori

Siamo nel Maghreb sconvolto dalla guerra civile: dalla Tunisia alla Libia, passando per l'Algeria, in tutta la regione del Sahara le popolazioni si sollevano contro i propri governanti. Ma non si rendono conto di cedere il potere a un unico dittatore, capace di unire tutto quel vasto territorio.

I massimi dirigenti delle nazioni gridano al complotto straniero, ma la causa dei disordini ed il disegno finale rimangono imperscrutabili. Il Centro di Intelligence della Marina Italiana decide di inviare in quel terreno minato un agente preparato, brillante, in grado di agire rapidamente in territorio ostile, un giovane ufficiale che sia soprattutto “sacrificabile”. 

Aiutato da un uomo misterioso di cui non si fida, il protagonista Alessandro Trevi si troverà nel mezzo di una rete che minaccia di far esplodere l'intero Maghreb.

Facciamo un salto a oggi, 2011: è incredibile quanto questo libro suoni davvero come una profezia e una lettura dei fatti che stanno stravolgendo in questi giorni il Nord-Africa. Rivolte in tutto il mondo arabo, in Egitto e Tunisia i presidenti lasciano il potere, in Libia e Siria no.

Qui la repressione del regime è irragionevole, priva di ogni limitazione, e genera migliaia di morti: il mondo rimane a guardare in Siria, mentre interviene militarmente in Libia.

I motivi di questa disparità non sono sempre limpidi, possibile che, abilmente nascosta dagli eventi, sia celata una ragione troppo sconvolgente da rendere pubblica?

Il confine tra realtà e finzione del romanzo è davvero difficile da stabilire. Dov’è che finisce la realtà, la parte biografica, gli eventi realmente accaduti ed inizia invece la fantasia? È un confine mobile, fluttuante, ed è compito del lettore cercare di scoprirlo.

Filippo Colizza è nato a Roma nel 1975 ed è stato Ufficiale di Marina fino al 2008; nel corso della sua carriera a bordo delle navi, ha partecipato a numerose missioni internazionali, in particolare nelle aree del Mediterraneo Orientale, del Corno d’Africa e del Golfo Persico. Successivamente, ha ricoperto l’incarico di responsabile della Sezione Ricerca e Sviluppo del Centro Intelligence Interforze del Reparto Informazioni e Sicurezza presso il Ministero della Difesa. Si è congedato dalla Marina Militare con il grado di Capitano di Corvetta, dall’inizio del 2009 lavora come consulente per la B.E.E. Consulting.

Elia Cevoli