biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

martedì
2
agosto
lunedì
5
settembre

Vivere non basta

2 agosto - 5 settembre 2011

Sezione Saggistica

Nel libro edito da Mondadori, l’autore immagina che, in seguito al crollo della Casa del Moralista a Pompei, vengano rinvenute le lettere che Lucilio scrisse a Lucio Anneo Seneca, il celebre filosofo e letterato latino. Le lettere di Seneca sviluppano temi di natura universale: la felicità e la fortuna, la bellezza, la gioventù e la vecchiaia, la vita e la morte, il sacro, i miti e gli dei, il corpo e l'amore, gli intellettuali e il potere. Lettere che rappresentano l’espressione più classica della letteratura latina che, ci hanno lasciato la sensazione melanconica di una risposta inevasa, dandoci così modo di comprendere fino in fondo il significato recondito della pietas latina, pur lasciando quel senso di vuoto, non solo mentale, che con 2000 anni di ritardo - poiché Seneca era contemporaneo del Cristo di Nazareth - Lucilio, attraverso la voce di Marcello Veneziani, risponde alle famose epistole completando così la corrispondenza. Il racconto di Veneziani altro non è che un colloquio d’amore filiale con il proprio padre dove le radici culturali, in una comune ispirazione, fanno sì che si attui l’ultimo abbraccio che accompagnerà il padre dell’autore in quella pace eterna, alla quale noi tutti siamo predestinati. In un suo articolo Marcello Veneziani ricorda: “Scrivo di mio padre ma so di parlare di ogni padre perduto, non c'è cosa più universale degli af­fetti privati.” Infatti, attraverso la sua penna, Lucilio rivolge a Seneca domande e pone obiezioni, sostenendo la propria visione poetica e raccontando esperienze di vita in cui molti lettori potranno sicuramente riconoscersi.

Un testo che riporta a riflessioni filosofiche sul nostro essere in vita e sull’insoddisfazione esistenziale che caratterizza l’essere pensante, dove si esaltano quei valori di riscoprire nell’altro ciò che è l’essenza della vita in una prospettiva migliore, affinché si è condotti ad una perfezione oltre la vita stessa. È questa la ragione dello stare insieme, mirare all’obiettivo comune senza prevaricazione alcuna, ma solo per il miglioramento di una esistenza terrena che andrà oltre la vita stessa, alla conquista di una felicità eterna.

 

MARCELLO VENEZIANI laureato in filosofia, ha iniziato a Bari come giornalista nella redazione del quotidiano Il Tempo per poi passare a Il Giornale d'Italia. È stato fondatore dei settimanali L'Italia e Lo Stato. Attualmente è direttore editoriale della rivista Il Borghese e fido collaboratore del quotidiano Libero. È stato membro del Consiglio di Amministrazione della RAI durante la XIV Legislatura. Svolge attività di conferenziere presso università, istituti e centri di cultura e associazioni sia in Italia che all'estero. È autore di vari saggi tra cui, per Mondadori, Il segreto del viandante (2003), I vinti (2004), Contro i barbari (2006), Rovesciare il ’68 (2008), Sud (2009), Amor fati (2010).

 

 

Enrico Vizzaccaro