biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

venerdì
12
luglio

Solisti del teatro : al via con la Ballata di Licia Maglietta

12 luglio 2013

12 luglio Giardini della Filarmonica Romana – Via Flaminia, 118

e Zbigniew Preisner eseguite al pianoforte da Angela Annese.
“E da tempo che ogni tanto torno a leggere Wisława Szymborska. Avevo raccolto parte del suo lavoro e lo avevo anche letto in pubblico. Ora
torno a lei con un’ ispirazione diversa, piu chiara, e con un desiderio piu profondo (“ogni sapere da cui non scaturiscono nuove domande / diventa in
breve morto, perde la temperatura che favorisce la vita”).Ogni volta che scivolo nei suoi versi e come se mi guardassi attorno in nuovi
spazi che mi lasciano liberamente, laicamente, dubbiosamente e non definitivamente riflettere sulla vita, la morte e sul senso di un universo in apparenza
governato dall’assoluta casualita. Amo il suo stupore che si traduce nel vedere in cio che e ordinario l’insolito,l’enigmatico, il prodigio e amo il suo forte e profondo senso degli altri (“quattro miliardi di persone su questa terra, / e la mia immaginazione e uguale a prima.
/ Se la cava male con i grandi numeri. / Continua a commuoverla solo la singolarita.”).Amo la sua ironia, concetto vasto, che non si confonde mai con il dileggio, lo scherno, il disprezzo dell’altro (“io stessa rido un po’ di me e un po’ di voi. Ma non dimentico mai di ridere prima di tutto di me.”).
Ho scritto dunque un unico lungo respiro poetico, cantato all’orecchio di ogni spettatore. Le singole poesie legate insieme dalla mia memoria attraverso i Suoi giochi verbali, assonanze e ritmi hanno trovato il loro nuovo spazio in questa Ballata, un lungo canto in prima persona come in prima persona e il canto di Fryderyk Chopin al pianoforte (“Sareste sbalorditi / dal mio virtuosismo al pianoforte”, Elogio dei sogni), che alle parole fa da contrappunto. Un canto limpido e profondo, lucidamente appassionato, nel quale l’idioma quotidiano sa trasformarsi in una lingua poetica capace di illuminare il cuore delle cose”. (Licia Maglietta)


Biglietto ridotto Bibliocard