biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

martedì
29
maggio

Love, Life, Goethe: How to be Happy in an Imperfect World

29 maggio 2012

martedì 29 maggio ore 18

Iniziativa patrocinata da Biblioteche di Roma


martedì 29 maggio ore 18 
Casa di Goethe, via del Corso 18 (Piazza del Popolo)

In collaborazione con il Keats-Shelley House. Con il sostegno di Ugo Guanda editore e l'Anglo American Bookshop.
ore 18 Visita guidata in inglese (apertura straordinaria con ingresso gratuito)


ore 19
In lingua inglese e italiana

Incontro e lettura con l'autore
John Armstrong
Love, Life, Goethe: How to be Happy in an Imperfect World
Penguin, 2007

Come essere felici in un mondo imperfetto
La vita e l'amore secondo Goethe
Ugo Guanda editore, 2011

Traduzione di Claudia Müller
Lettura italiana di Claudia Müller

 

Lo scrittore e filosofo inglese John Armstrong è nato nel 1966 a Glasgowvive, dal 2001 vive in Australia, dove è ricercatore presso la University of Melbourne. Con Guanda ha pubblicato anche Aspetti dell'amore (2002) e Il potere segreto della bellezza (2007)

Johann Wolfgang Goethe ebbe una vita lunga e appagante, spesa non soltanto al servizio della letteratura, ma a contatto con le esigenze concrete del governo e dell'amministrazione pubblica, oltre che arricchita dal calore degli affetti e dell'amicizia. Dal racconto romanzato di John Armstrong emerge una personalità affascinante per la versatilità e la vastità di interessi e talenti (dal disegno alle discipline legali, dalla gestione delle miniere agli studi di ottica, botanica e anatomia), che ha molto da insegnare anche a noi, qui e ora, proprio perché agli antipodi rispetto allo stereotipo romantico che vuole il genio poetico e l'estro creativo spesso associati alla sregolatezza e all'incapacità di scendere a compromessi con le difficoltà quotidiane. Letta in questa chiave, la storia della vita di Goethe ci spinge dunque ad affrontare i disinganni e i fallimenti come occasioni per maturare: è un invito a trarre il meglio dalle condizioni e dalle opportunità che ci offre il mondo imperfetto in cui viviamo, piuttosto che farci paralizzare da ribellioni sterili e rancorose.