biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

martedì
15
gennaio

Le donne che scrivono sono pericolose

Martedì 15 gennaio ore 17

1913-2013 Da Canne al vento del nobel Grazia Deledda, un secolo di grandi scrittrici italiane e straniere in uno spettacolo di letture e canzoni dal vivo

Voce narrante: Ileana Izzillo
Letture: Miana Merisi, Eleonora Lausdei
Canzoni dal vivo: Two Ladies in Jazz
Voce: Francesca Faro
Pianoforte: Silvia Manco
Progettazione: Ileana Izzillo, Gigliola Porzi
Assistente alla regia: Giacomo De Rose
Regia: Paolo Pasquini


Di recente, la celebre casa che ha venduto nel mondo oltre 100 miliardi di penne usa e getta ha lanciato sul mercato la biro “per lei”. L’iniziativa è stata accolta da sberleffi in tutta Europa, e da una parodia dell’advertising che negli anni Cinquanta pubblicizzava un nuovo tappo per conserve di pomodoro, di facile apertura, con lo slogan: «Vuoi dire che perfino una donna può aprirlo?».

Agli inizi del Novecento ben poche erano le donne che “scrivevano”, donne cioè che avendo avuto accesso agli studi erano in grado di raccontarsi e raccontare con la penna in mano. Premi Nobel da Grazia Deledda (che proprio nel gennaio del 1913 pubblicò Canne al Vento) a Wislawa Szymborska, ma anche Virginia Woolf, Simone De Beauvoir, Elsa Morante e tante altre autrici sono testimoni di un secolo ricco di scrittura femminile, in prosa e poesia.

Non solo «perfino una donna può scrivere», ma – come dimostra questo spettacolo di racconti, poesie, immagini e canzoni dal vivo, tessuto dalla narrazione di Ileana Izzillo e interpretato da quattro artiste di talento – quello che le donne scrivono proviene sempre da punti di vista insoliti, divertenti, scomodi, censurabili... in una parola, punti di vista pericolosi!

GUGLIELMO MARCONI – Via Gerolamo Cardano 135, 00146 Roma - Tel. 06 45460301

guglielmomarconi@bibliotechediroma.it