biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

mercoledì
15
febbraio

Lavorare con i videogiochi: da passione a professione.

15 febbraio 2012

mercoledì 15 febbraio ore 16

Incontragiovani Morante invita a:  

Lavorare con i videogiochi: da  passione a professione.

 L’Incontragiovani Morante, in collaborazione con L’Accademia Italiana Videogiochi (AIV), propone un seminario sugli sbocchi lavorativi offerti dal settore dei videogiochi, permettendo ai giovani di unire due cose fondamentali: passione e lavoro.  (ved. Locandina allegata)

Si tratta di un mondo dinamico, giovane, creativo, all'interno del quale è possibile coniugare fantasia e tecnica, dove contano le nuove idee e la capacità di realizzarle.

Nuovi professionisti pronti a cavalcare l’onda, gente che i videogiochi non solo li ami (la passione è un requisito fondamentale), ma li voglia programmare, produrre, promuovere e vendere.

Ma quali sono queste figure professionali? Per la produzione, la necessità riguarda gli sceneggiatori di videogame con una buona cultura umanistica, i game designer capaci di inventare le possibilità di gioco, i grafici creativi in grado di lavorare con immagini a 2 e a 3 dimensioni, i progettisti e sviluppatori di software ai quali spetta il compito di far funzionare il gioco, infine i segretari di produzione cui affidare il coordinamento dell'intero progetto. Per la commercializzazione le opportunità riguardano i product manager, gli esperti di marketing e i venditori con buone conoscenze tecniche. Infine, nel mondo dei videogiochi possono trovare occasioni d'impiego sia i traduttori che i doppiatori.

 L'ambiente è quello della realizzazione e commercializzazione dei videogiochi, da utilizzare attraverso l'uso di diversi supporti tecnologici come personal computer, console e cellulari di ultima generazione.

 Un settore in forte sviluppo che da vari anni sta letteralmente spiazzando il mondo dei giochi tradizionali. Il mercato si sta allargando a macchia d'olio  soprattutto perché si amplia la fascia d'età degli utilizzatori.

Se una decina d’anni fa la fascia dei consumatori andava dai 12 ai 18 anni ed era abbastanza omogenea, oggi si va dai 6 ai 35 anni. Rispetto al passato vi è dunque la necessità di una forte diversificazione dei prodotti per soddisfare le più disparate esigenze. I dati dell’Aesvi, l’Associazione Editori Software Videoludico Italiana, dicono che per il prossimo quinquennio sono previsti 1.500 nuovi posti di lavoro all’anno nel settore italiano dei videogiochi, uno dei pochi mercati che non sta vivendo punti d’arresto neanche in tempi di contrazione generale dei consumi. A tal fine lo Staff Incontragiovani Morante ha individuato nell’AIVAccademia Italiana di Videogiochi, forte di esperienza e collaborazioni ad alti livelli nell’ambito commerciale ed istituzionale, il partner ideale per fornire tutte le informazioni necessarie e “REALI” per avvicinarsi a questo mondo “VIRTUALE”.


ELSA MORANTE - Via Adolfo Cozza 7, 00121 Roma Tel. 06 45460421

elsamorante@bibliotechediroma.it