biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

martedì
19
febbraio
domenica
17
marzo

Giorgio Albertazzi in Memorie di Adriano di Marguerite Yourcenar –

19 febbraio - 17 marzo 2013

Teatro Parioli Peppino De Filippo dal 19 febbraio al 17 marzo

C'è una frase di Flaubert che forse, meglio di tutte, spiega il fascino immortale del protagonista di quest'opera di Marguerite Yourcenar: quando gli dèi non c'erano più e Cristo non ancora, tra Cicerone e Marco Aurelio, c'è stato un momento unico in cui è esistito l'uomo, solo.
Memorie di Adriano, l'autobiografia immaginaria che Marguerite Yourcenar dedica all'uomo che fu imperatore di Roma dal 117 al 138 d.C., e che è diventata, con la regia di Maurizio Scaparro, è uno spettacolo culto che da oltre 20 anni accompagna Giorgio Albertazzi, straordinario protagonista.
Dopo il debutto del 1989 a Villa Adriana di Tivoli, suo palcoscenico "naturale", rappresentato più volte con successo in Italia e all'estero, Memorie di Adriano, nella riduzione di Jean Launay, torna ancora una volta sul palcoscenico.
Un Giorgio Albertazzi "di strepitosa semplicità e misteriosa verità" interpreta l'imperatore che ha "governato in latino ma in greco ha pensato, in greco ha vissuto". Un Adriano immerso in riflessioni e malinconie, che viene attraversato da ricordi che si materializzano sul palcoscenico: con gli occhi della mente e del cuore vede l'amato Antinoo che danza il suo amore senza domani, si intenerisce per un canto dell'infanzia, si appaga dei precetti dell'antico maestro. Momenti della vita di un grande uomo che sapeva che ogni felicità è un capolavoro da assaporare tra tensioni e travagli.
Si tratta, alla fin fine, di brani di una vita scritta dalla Yourcenar rifacendosi certo a "pietre autentiche" ma pur sempre pietre, spesso sconnesse, per così dire "isolate" dal contesto, frammenti appunto, talvolta immaginari, della vita di uno dei più grandi, nel senso dell'umano e della prudenza, imperatori romani.
Adriano è più di un uomo, è l'immagine, o meglio il "ritratto" di ciò che noi siamo oggi, nelle sue parole ritroviamo le radici del pensiero occidentale e della nostra storia. Ma mai come oggi questo spettacolo e questo testo sembrano così attuali. In un mondo che sembra lentamente sfaldarsi sotto i colpi dell'intolleranza, della guerra, dell'egoismo, degli interessi mercantili, le parole di Adriano assumono un significato nuovo, profondo, che ci aiuta a riflettere sul nostro momento storico indicandoci, forse, uno spiraglio di speranza:…non tutti i nostri libri periranno; si restaureranno le nostre statue infrante; altre cupole, altri frontoni sorgeranno dai nostri frontoni, dalle nostre cupole… e se i Barbari s'impadroniranno mai dell'impero del mondo, saranno costretti ad adottare molti nostri metodi; e finiranno per rassomigliarsi.


Biglietti ridotti Bibliocard : platea 19,00 anziché 25,00 – galleria 16,00 anziché 20,00