biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

martedì
14
febbraio
domenica
26
febbraio

Margherita Buy e Patrick Rossi Gastaldi in Nel nome del padre reading – spettacolo

14 - 26 febbraio 2012

Teatro Quirinetta dal 14 al 26 febbraio


Una commedia sentimentale – come l’ha definita il suo stesso autore – che si svela gradatamente, parola dopo parola,  in un crescendo emotivo che passa dalla iniziale reticenza dei due personaggi a raccontare di se stessi fino al riconoscimento di un’uguaglianza nel dolore e all’ideale catarsi finale che svela le ombre di un angoscioso passato . Un uomo ed una donna si trovano in un luogo misterioso, una sorta di purgatorio, dove devono liberarsi dei loro drammatici ricordi per approdare ad una meritata pace eterna. Rosemary ed Aldo provengono dai poli opposti della nostra società: lei figlia del vecchio Kennedy (e sorella del presidente assassinato), lui figlio di un comunista italiano, perseguitato politico, esule in Russia durante la guerra, anch’esso figura storica, che risponde al nome di Palmiro Togliatti. Ambedue hanno pagato un durissimo prezzo alla personalità e alle ambizioni – pur così diverse – dei loro genitori, dai quali sono rimasti irrimediabilmente schiacciati. Dramma “sentimentale” che si conclude con il lieto fine di un’unione tra i due e nel loro comune addormentarsi nella morte. L’idea che incornicia il tutto è molto semplice: un figlio “imperfetto” può tirar fuori il peggio da un padre, sia che questo padre sia un famoso capitalista o un importante leader comunista. In questo dramma, spesso molto emozionante, i due sono confluiti in quel limbo con il compito di svuotarsi dalle loro esperienze: lui è ben disposto a questo, lei è più chiusa. Ma a poco a poco essi ravvisano molte analogie nella loro vita. Forse il dramma è ingiusto nei riguardi dei padri ma è difficile sviluppare qualche simpatia per loro: l’uno che considera la figlia disabile  come un ostacolo per la carriera dei suoi figli, l’altro interessato unicamente alla sua causa per il socialismo.Il testo è ricco di implicazioni divertenti malgrado il loro tragico significato; quando, per esempio, Rosemary e Aldo discutono su quale dei loro padri sia stato più grande e quale merita maggiore ammirazione. La conclusione è consolante: liberatisi dei loro ricordi, essi sognano addirittura di essere stati una coppia; una semplice, normale coppia, un uomo e una donna come gli altri; quasi una risposta ai sogni di grandezza e ai disumani progetti dei loro padri.

Promozione possessori bibliocard biglietti €14.00 invece che €25.00 per le repliche di  15-16-17-21 febbraio ore 21.15
Informazioni su www.bibliocard.it