biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

domenica
24
marzo

Bambini all’inferno, dalla Striscia di Gaza ai Territori Occupati

24 marzo 2013

Le testimonianze degli innocenti. Domenica 24 marzo ore 20 Musei capitolini

Bambini all’inferno. Bambini che non ridono, che non giocano, che non sognano, che non parlano. Bambini senza infanzia, senza diritti e senza speranza. Sono le giovani vittime della violenza nella Striscia di Gaza e nei Territori Occupati della Palestina. Le loro storie, raccolte in un libro da Cecilia Gentile, giornalista del quotidiano La Repubblica, sono al centro di uno spettacolo che si svolgerà domenica 24 marzo nella Sala Pietro da Cortona presso i Musei Capitolini di Roma, nell’ambito dell’iniziativa ROMA IN SCENA - ASPETTANDO LA PASQUA, promossa dall’Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico - Sovrintendenza Capitolina. Organizzata in collaborazione con la Presidenza della Commissione Cultura di Roma Capitale da Daniele Cipriani, che in questa occasione riceve la Medaglia di Roma del Sindaco Alemanno per aver portato in Italia la grande Danza Internazionale, la serata vedrà la partecipazione di Rossella Brescia, Vanessa Gravina, Fioretta Mari e il Coro Voci Bianche, Dipartimento Didattica e Formazione, Teatro dell’Opera di Roma diretto dal maestro José Maria Sciutto. In quel lembo di terra sospeso nel nulla in mezzo al deserto, tra sassi e pietre, montagne di detriti e immondizia, dove vivono un milione e settecentomila persone strette tra il blocco israeliano e l’integralismo di Hamas, Cecilia Gentile entra in contatto con i bambini palestinesi, quasi la metà della popolazione di quell’area. Li fa parlare e raccontare le loro vite, dando proprio a loro, vittime incolpevoli private di ogni diritto, il diritto di parola, di testimonianza, di opinione. E perché al di là delle cronache dei morti e dei feriti, di quella violenza che ormai è routine e di cui leggiamo le notizie spesso con indifferenza, le loro voci, i loro occhi, i loro sguardi possano arrivare fino alle nostre coscienze, le scuotano, le interroghino, le provochino, riaccendendo nei nostri cuori una nuova tensione solidale, alcune di queste testimonianze saranno lette per questa serata speciale da tre voci femminili: Rossella Brescia, Vanessa Gravina e Fioretta Mari. Insieme ai giovani interpreti del Coro Voci Bianche del Teatro dell’Opera di Roma diretti dal maestro José Maria Sciutto e accompagnati al pianoforte da Annamaria De Martino, saranno loro a dare voce alla sofferenza di Amal, che a undici anni è rimasta sepolta per quattro giorni sotto le macerie, ha visto uccidere il padre sotto i suoi occhi, mentre il fratellino moriva dissanguato tra le braccia della madre, e oggi vive con quindici schegge in testa, o di Khaled, che a otto anni è tornato a Gaza dentro un tunnel per fuggire dall'Egitto dove una donna, a cui il padre l’aveva affidato per promettergli una vita diversa, lo legava e picchiava, e che oggi accarezza la speranza di diventare un adulto che aiuta gli altri. E poi ci sono i racconti di Bilal, che da grande vuole fare il soldato del califfato islamico, Omar e Adham che sognano di avere una bicicletta, Musa, il ragazzo a cui piaceva ballare la Dabka prima di essere ferito tragicamente a una gamba durante una sparatoria, Yusef con i suoi occhi scuri pieni di paura. In tutte le storie raccontate dai bambini intervistati ci si rende conto come siano loro a pagare il prezzo più alto dell’occupazione militare nei Territori e dell’assedio a Gaza. I loro occhi, i loro cuori, le loro menti sono stati devastati e sconquassati dalle immagini dei parenti morti davanti a loro e delle case rase al suolo dai bulldozer, dalla paura degli attacchi improvvisi, dal rumore delle bombe e delle sirene, dai pianti e dalle urla di dolore. Lo spettacolo ha il patrocinio della Missione Diplomatica Palestinese, della Fondazione Movimento Bambino e delle Biblioteche di Roma. All’acquisto del biglietto il pubblico riceverà una copia del libro di Cecilia Gentile Bambini all’inferno. I diritti d'autore del libro saranno devoluti al Palestinian Centre for Democracy and Conflict Resolution, associazione di Gaza che insieme a Save the Children è impegnata in progetti di sostegno e di protezione per l'infanzia.