biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

I commenti più recenti

  • La forma del buio : romanzo

    Zilahy, Mirko

    • 24-06-2018
      Dario Tramacere Se la forma non è sostanza…
      La Roma di questo secondo episodio non è quella dei manufatti postindustriali dismessi ed in stato di abbandono bensì quella assai più ricercata di Galleria Borghese, Villa Torlonia ed il giardino zoologico di Villa Borghese. E’ questo il territorio di caccia dello “Scultore”, il serial killer che terrorizza Roma usando la mitologia classica per dar sfogo ai propri deliri. Del caso, naturalmente, viene investito il commissario Mancini e i membri della sua squadra, tutti narrati qui con maggior dovizia di particolari rispetto al primo romanzo per cercare di avvicinarli sempre più al lettore. Eppure, per quanto mi riguarda, la scintilla non scocca. L’articolazione della storia è ancora una volta ampia e complessa, ma vive principalmente (se non quasi esclusivamente) nella e della minuziosa descrizione sia dei deliri del killer sia dell’esecuzione dei delitti (con relativa messa in scena). La narrazione scorre sino ad un finale che, ad un certo punto, diventa scontato sia nella originazione (e identificazione) del killer sia nella precostituzione di un “colpo di scena” conclusivo (un “legame” tra ricercato e squadra di investigatori) che tale nemmeno può definirsi. Al notevolissimo lavoro eseguito, realizzato ancora una volta con stile ragguardevole, non corrisponde (a mio parere) adeguato risultato finale, risultando meno significativo rispetto al romanzo d’esordio.
  • Ore 10, Porta Nuova : la seconda indagine del commissario Martini

    Baltaro, Gianna

    • 23-06-2018
      bello!!
      La 2 indagine del commissario Martini. Giallo avvincente, con la giusta suspence, un bel ritmo, diverse situazioni, molti indizi per giungere alla conclusione finale e all'arresto del colpevole. Mi è piaciuto molto
  • Le Avventure di Huckleberry Finn

    Twain, Mark

    • 22-06-2018
      Alessio Di Simone Le Avventure di Huckleberry Finn
      Pubblicato nel 1884. Narra le avventure di Huckleberry Finn e dello schiavo fuggiasco Jim. In due, su una zattera discendono il Mississippi. Il loro viaggio, al margine, è minacciato dalla stessa società che rifuggono, dalla sua violenza. La lettura è a più livelli: trecentocinquantadue pagine di avventure per ragazzi; l'elenco delle ansie e dei problemi su cui la nazione americana stessa si fonda; sullo sfondo l'incombere della guerra civile. Ogni errore che avreste voluto fare da ragazzi, Huck l'ha già fatto. Bellissimo.
  • Il lato oscuro dell'addio

    Connelly, Michael

    • 22-06-2018
      michael connelly non si smentisce mai! per me, nel suo genere, è il meglio in assoluto!
  • Concerto per archi e canguro

    Lethem, Jonathan

    • 22-06-2018
      Ballata lisergica per un detective del futuro
      Pagando con una mano il pedaggio a Hammett e Chandler, con l'altra inserisce un gettone nel juke box di Philip Dick: in questo modo Lethem costruisce un mondo narrativo onirico, sferzante, umanissimo e delirante. La trama è quella di un noir canonico, con un investigatore male in arnese - Conrad Metcalf - assoldato per far luce dapprima sulle infedeltà di una moglie troppo intraprendente, e poi per scagionare il povero disgraziato capitato al posto giusto nel momento sbagliato. Tutto però viene detonato dal genio di questo scrittore, che in maniera apparentemente sbadata tratteggia un mondo pieno di animali antropomorfi ( Joey Castle, il canguro del titolo nella versione italiana, è solo uno dei tanti) di bambini sottoposti ad un intervento genetico di massa (le inquietanti "testoline"), dove la vita di un uomo è stabilita dal movimento oscillatorio del suo punteggio di karma, registrato su apposite tessere magnetiche. Gli elementi costitutivi di questo universo distopico sono efficaci eppure mai spiegati del tutto, perché il protagonista non sente la necessità di motivare quello che per lui è pura quotidianità. Le droghe, i nomi stessi dei tanti personaggi, gli esseri che popolano le strade sono metafore e simboli che conducono il lettore attraverso nuovi strati di lettura. Eppure, anche volendo tralasciare questo valore aggiunto e preferendo restare alla semplice lettura della trama, Concerto per Archi e Canguro è un piccolo capolavoro, che fa sorridere, ridere, riflettere e temere. Qualità magiche che appartengono alla narrativa di grande qualità.
  • La vita e i giorni : sulla vecchiaia

    Bianchi, Enzo <1943- >

    • 22-06-2018
      Alessandro De Bernardi Sulla vecchiaia,per lettori vecchi,scritto da un vecchio.
      A dire il vero,io,lettore vecchio,quasi vegliardo,mi aspettavo qualcosa di più ad alleviare il mio animo stanco,deluso ed amareggiato. Invece tutte considerazioni anche troppo facili che non mi hanno aggiunto niente a quello che già penso,anzi forse potrei aggiungere io qualcosa di meglio.
  • I racconti piu brevi del Cile

    • 22-06-2018
      Libro
      Mitico!!!
  • Sara al tramonto

    De Giovanni, Maurizio

    • 22-06-2018 un'altra chicca!
      De Giovanni ama decisamente disegnare personaggi surreali: dopo il commissario Ricciardi,i ecco Sara: tipo enigmatico forte, con poteri quasi al limite del paranormale. Il romanzo: un'altra "chicca" con una trama seria, drammatica come dev'essere quella del giallo, ma con improvvisi squarci di irresistibile comicità, tutta concentrata sulle gags dello sbirro che affianca Sara e del suo "cane padrone". Un'altra "chicca", dicevo, un altro piccolo gioiello da aggiungere alle cose belle e preziose contenute nello scrgno che ognuno di noi lettori dovrebbe gelosamente custodire.
  • Il caso Ariel Toaff : una riconsiderazione

    Cardini, Franco <1940- >

    • 22-06-2018
      Quando è vera polemica è sana.
      Una raccolta arguta e ragionata di argomentazioni pro contro “Pasque di sangue: ebrei d’Europa e omicidi rituali”, di Ariel Toaff. Tanto da consigliarne spassionatamente la lettura come compendio al libro, proprio per contestualizzare il dibattito, spesso aspro, suscitato dalla sua prima pubblicazione.
  • Pasque di sangue : ebrei d'Europa e omicidi rituali

    Toaff, Ariel

    • 22-06-2018
      Giudizi e pregiudizi.
      È un saggio coraggioso, che ha sfidato i pregiudizi e gli anatemi. Una ricostruzione storica, rigorosa, consapevole dei rischi. Ma la ricerca usa una mentalità scientifica, non parteggia, dimostra, svela, mette in luce. Una lettura molto impegnativa.
  • Commercio e distribuzione

    • 22-06-2018
      Qual è l’anima del commercio?
      Se essere cittadini significa essere consapevoli dei diritti e dei doveri che l’esercizio della democrazia ci impone, in una certa egual misura vale per la piena consapevolezza di essere consumatori. Ecco che conoscere il commercio e le sue regole non è utile solo a chi vende, ma anche a chi compra. Insomma, sapere come funzionano le regole del mercato ci aiuta a essere consumatori-cittadini.
  • Esercizi di pronuncia : Manuale pratico per attori, insegnanti, speaker e professionisti della voce

    Peraro, Walter

    • 22-06-2018
      Bada a come parli.
      Un manuale ricco di buoni suggerimenti, precetti e consigli per parlare correttamente la nostra lingua. Sicuramente utile - irrinunciabile, si dovrebbe ammettere - per chi di mestiere parla in pubblico. Ma prezioso per tutti: la nostra lingua è talmente ricca di sfumature che cercare di impararle diventa il piacere della scoperta.
  • I misteri di Marsiglia

    Zola, Émile

    • 21-06-2018
      Marco Ferri Amore e lotta di classe.
      Una trama piena di avvenimenti, tipica dei romanzi che divennero libri dopo essere stati pubblicati a puntate. Tuttavia, una trama gracile, spesso prevedibile, perché ormai il lettore moderno è più che smaliziato, ma una storia che si dipana tra grandi sentimenti: amore tra uomini e donne, amore tra fratelli, solidarietà, carità cristiana, passione politica, altruismo. Sullo sfondo dei moti del 1948, uomini e donne che si battono non solo per i propri sentimenti, ma anche per una senso più generale di giustizia sociale. Una lettura obbligata per capire l'origine del primo socialismo. Che ha una qualche attualità, almeno nel mettere in primo piano ciò che è eticamente giusto e sbagliato fare nelle scelte personali e politiche.
  • Fiori sopra l'inferno

    Tuti, Ilaria

    • 21-06-2018
      Da leggere assolutamente
      mi è piaciuto tutto: la protagonista, una poliziotta mai letta prima, l'ambientazione affascinante e sconosciuta per molti e la storia che non è solo tremenda è anche guardata e analizzata in maniera originale , forse addirittura unica. Non annoia, non si attarda, non usa trucchi o scorciatoie è scritto in modo scorrevole tanto da leggerlo quasi d'un fiato. Ne leggerò certamente degli altri suoi. Finalmente una italiana all'altezza degli scandinavi.
  • Memorie scritte da lui medesimo

    Casanova, Giacomo

    • 21-06-2018
      Imperdibile spaccato di tempi andati, un classico che ci riporta agli antichi corteggiamenti amorosi e a vecchi espedienti, con profusione di parole persuasive, per "prendere" l'inafferrabile dama di turno e convincerla a farla sedere al proprio fianco. Giovanni Giacomo Casanova, uomo del 1700, figlio di attori, con un proprio personale talento teatrale esercitato nella vita anziché sulle scene. In questo libro si scoprono molte cose sul famoso personaggio, forse sconosciute ai più.