biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

Migrante per sempre

Ingrao, Chiara

Baldini & Castoldi - 2019

Valuta questo titolo
Dall'Italia degli emigranti a quella degli immigrati, cinquant'anni nella vita di Lina, ispirata a una storia vera: bambina in Sicilia, ragazza in Germania, donna a Roma. Un paese di padri lontani e di preti padroni, di pistacchi e di mandorle; un papà che varca i confini da clandestino, una madre assente e inafferrabile che condiziona ogni scelta. La nonna bracciante è mamma e maestra, ma non è lei che può decidere chi parte e chi resta. Partire è inverno tedesco, è la fabbrica: è suoni incomprensibili sputati in faccia, sorelle perdute e amicizie turche, compaesani soffocanti. Manca l'aria, i sogni s'infrangono e le parole vecchie non bastano più. Per Lina si apre una stagione di nuove esperienze, e la sfida di un amore forse impossibile. Riesce a tornare, finalmente: ma dove? Affetti e fatiche, solitudini e alleanze impreviste, in un mondo profondamente cambiato ma con la stessa ostinata voglia di trovare la propria strada, fra radici strappate e sprazzi di futuro.
  • Lo trovi in
  • Scheda
  • Commenti
Se vuoi inserire un commento a questo documento o indicare con un voto da 1 a 5 la tua preferenza inserisci il tuo codice utente e la tua password dal pulsante Accedi in alto a destra.
Non sei ancora un nostro iscritto? REGISTRATI ON-LINE!!
  • Morena Terraschi

    Cambia il tuo avatar
    08/12/2019
      

    Lina è una bambina quando la madre emigra in Germania con il padre e la lascia, insieme ai suoi fratelli e sorelle, ai nonni in paese. Conosce quindi molto presto la condizione di chi deve viaggiare per necessità e non per diletto, che torna a casa se va bene una volta l'anno e non ritrova più le abitudini che aveva e le abitudini diventano altre ed estranee, quelle del paese in cui passa la maggior parte dei suoi giorni. Bambina caparbia e silenziosa vorrebbe trovare da sé la strada per crescere ma dovrà invece seguire i genitori in Germania, diventare migrante lei stessa, crescere in fabbrica e ricominciare a sperare, a voler cambiare in meglio. E' brava Lina, è in gamba, ricomincerà a studiare, troverà un uomo che l'ama e si traferiranno a Roma, per una nuova vita, una nuova famiglia. Ma il destino del migrante è di ricominciare sempre ogni volta da capo, anche a Roma dovrà caparbiamente farsi largo, trovare un lavoro, crescere i figli, continuare ad essere una moglie... trovando anche il modo di essere generosa e senza mai trovare riparo dai dolori della vita. Sempre poi avrà come riferimento sua nonna e sua madre, un rapporto non facile, conflittuale, ma vero e intenso. Ispirato ad una storia vera, Chiaro Ingrao ha scritto un romanzo che racconto 50 anni della nostra storia attraverso quella di Lina e di chi la circonda. Lo fa con una scrittura bellissima, in cui la musicalità del dialetto siciliano da enfasi e profondità alle frasi e costruisce una figura di donna, coraggiosa e fallibile, fragile e forte insieme. Consigliato.
    Hai trovato utile questo commento? SI NO   |   Segnala come inappropriato