biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

La signora del martedì

Carlotto, Massimo

eBook - E/O - 2020

epub protetto con DRM Adobe

Valuta questo titolo

Massimo Carlotto va oltre il noir. In questo libro non c'è più solo il lato oscuro e criminale della società. Siamo tutti noi a essere interpellati.

Un romanzo memorabile che svela un lato inedito di uno dei più grandi scrittori italiani.

Bonamente Fanzago è un attore porno in disarmo. Tiene duro aspettando che ogni martedì una donna misteriosa paghi i suoi servizi da gigolò alla pensione Lisbona, un alberghetto da poco dove il proprietario, il signor Alfredo, vive la sua condizione di travestito nascondendosi da un ambiente ipocrita e perbenista. Quando un imprevisto darà il via a una girandola di effetti collaterali, per i tre diventerà questione di vita o di morte scavare dentro di sé e nel proprio passato per tirarsi fuori dai guai.

  • Lo trovi in
  • Scheda
  • Links
  • Commenti
Se vuoi inserire un commento a questo documento o indicare con un voto da 1 a 5 la tua preferenza inserisci il tuo codice utente e la tua password dal pulsante Accedi in alto a destra.
Non sei ancora un nostro iscritto? REGISTRATI ON-LINE!!
  • 14/02/2020
      

    Tre piccoli protagonisti per un noir fuori dai canoni

    Tre persone ai margini, tre malinconie, tre solitudini. Un pornodivo, un signore che si veste con la veletta, una signora che ogni martedì dalle 15 alle 16 paga un gigolò in una camera di pensione. Tre mutazioni sociali per i loro corpi in declino: il pornodivo ha avuto un ictus, il travestito con l'età torna a vestirsi da uomo, e la signora del martedì? Questo romanzo l'autore Massimo Carlotto lo ha definito un "noir destrutturato". Una curiosità: il suo primo romanzo, l'autobiografico "Il fuggiasco" (1995) vinse nel 1996 il Premio del Giovedì. Buona lettura.
    Hai trovato utile questo commento? SI NO   |   Segnala come inappropriato