biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

La contessa Lara : una vita di passione e di poesia nell'Ottocento italiano

Borgese, Maria

Treves - 1930

Valuta questo titolo
  • Lo trovi in
  • Scheda
  • Commenti
  • Forse ti può interessare
Se vuoi inserire un commento a questo documento o indicare con un voto da 1 a 5 la tua preferenza inserisci il tuo codice utente e la tua password dal pulsante Accedi in alto a destra.
Non sei ancora un nostro iscritto? REGISTRATI ON-LINE!!
  • 1 / 1 utenti hanno trovato utile questo commento

    Maria Benedetta De Vito

    Cambia il tuo avatar
    25/11/2020   

    Un topolino bianco

    Scoprire Maria Borgese, scrittrice fiorentina di razza eppure sconosciuta e poco nota ai più è stato, per me, come trovar una perla nell'ultima ostrica presa così, per gola, quando la fame è già trascorsa e la cena finita. L'ho amata tanto nel suo romanzo-memoria "Quelli che sono venuti prima", nel quale parla di sua nonna Bettina, figura di nonna cattolica, tutta pane, chiesa e serenità, messa a prova dalla vita nei tempi in cui l'Italia "risorgeva", voltando le spalle al vecchio regime e mandando in soffitta il Granduca fiorentino, che a lei, Bettina, era tanto caro. L'ho poi ritrovata, la Borgese, in questa cronaca sulla Contessa Lara, altra scrittrice (che però conoscevo) di razza, la cui vita è stata di per sé medesima un romanzo. Non vi svelo la tragedia della breve vita della Evelina Cattermolle (alias Contessa Lara), ma vi rivelo un vezzo che questa donna vissuta nell'Ottocento aveva e che ce la fa sentir simpatica e, insieme, diventar estrosa, viva. Nel manicotto vezzoso, magari di pelliccia,, la Contessa Lara teneva a volte un topolino bianco, che entrava e usciva garbo suo e le teneva compagnia...
    Hai trovato utile questo commento? SI NO   |   Segnala come inappropriato