biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

Assassinio a Villa Borghese

Veltroni, Walter

Marsilio - 2019

Valuta questo titolo
Villa Borghese, enorme Parco nel centro di Roma, grande più della Città del Vaticano ma poco meno del principato di Monaco, è un luogo meraviglioso. Ci sono musei, teatri, la Casa del cinema, ludoteche, chiese, poi mille piante, corsi d’acqua e tante specie animali ospitate al Bioparco. E' un’isola verde incantevole, affascinante, 'colta', misteriosa. Il Sindaco, malato d’amore per la Villa, muovendo mari e monti, riesce a far aprire un commissariato al suo interno, per la cui gestione i vertici di polizia decidono di radunare un gruppo di soggetti che altrove non hanno certo brillato. A guidarli viene chiamato Giovanni Buonvino, ispettore superiore che quindici anni prima era stato condannato alle retrovie per via di un bruciante errore. Ora «Occhio ai palloni Super Santos», ironizzano i colleghi, «possono contenere esplosivo.». Pochi giorni dopo l’inaugurazione del commissariato il tranquillo quotidiano tran tran viene interrotto dalla scoperta di un cadavere orrendamente straziato e, [...]
  • Lo trovi in
  • Scheda
  • Commenti
Se vuoi inserire un commento a questo documento o indicare con un voto da 1 a 5 la tua preferenza inserisci il tuo codice utente e la tua password dal pulsante Accedi in alto a destra.
Non sei ancora un nostro iscritto? REGISTRATI ON-LINE!!
  • 4 / 5 utenti hanno trovato utile questo commento
    16/02/2020
      

    premio sbadiglio 2019

    nella sua ultima fatica Walter Veltroni è riuscito a scrivere un giallo noioso come lui. completamente sbilanciato in un lungo prologo di presentazione dei personaggi che non suscita il benché minimo interesse, e sembra fornire indicazioni di sceneggiatura per una eventuale fiction Rai (magari, perché no? firmata dallo stesso Veltroni...), si arriva esausti al rinvenimento di un cadavere, tra decine di citazioni con le quali l'autore, sua vera cifra stilistica, ci vorrebbe mostrare la sua profonda cultura. e così siamo alle solite, Veltroni non crede nel giallo, vuole solamente usare il genere per rendere più accattivante il racconto di sé stesso. Un mediocre, senile esercizio di arroganza. Uno di quei divertissement alla pariolina privi di senso, come quelle barzellette idiote dove ride solo chi la racconta. Sembra che Veltroni abbia fatto sua quella battuta di Hudson Hawk: "ti torturerò così lentamente che morirai sbadigliando". Da buttare
    Hai trovato utile questo commento? SI NO   |   Segnala come inappropriato
  • 4 / 4 utenti hanno trovato utile questo commento
    16/01/2020
      

    Non decolla.

    La prova "gialla" di Veltroni non è granché. Scrivere un buon giallo è molto difficile, non è materia in cui si possa improvvisare. Magari col secondo andrà meglio.
    Hai trovato utile questo commento? SI NO   |   Segnala come inappropriato