biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

lunedì
10
gennaio
sabato
29
gennaio

Quarticciolo: Alice in Wonderland

10 - 29 gennaio 2011

29 gennaio ore 18.30

Sabato 29 gennaio alle 18.30 presso la Biblioteca Quarticciolo proiezione del film Alice in Wonderland di Tim Burton.

TRAMA

Alice, ormai diciannovenne, non ricorda più nulla delle sue avventure nel Paese delle Meraviglie, ma fa ancora i sogni delle esperienze di 13 anni prima. In seguito alla morte del suo tanto amato padre, Alice partecipa ad una festa, salvo poi scoprire che si tratta in realtà di un espediente per permetterle di ricevere la proposta di matrimonio dal giovane lord inglese Hamish Ascot. Interdetta innanzi alle centinaia di persone che la stanno fissando, aspettando la sua risposta, decide di "scappare", inseguendo nel bosco il celeberrimo coniglio che aveva già visto in precedenza: il Bianconiglio. Dopo una breve corsa la ragazza vede il lagomorfo gettarsi in un grande buco nel terreno ai piedi di un piccolo arbusto. Curiosa, si sporge per capire dove questa buca porti, ma nel farlo perde l'equilibrio e vi cade dentro.

Dopo una la lunga caduta, Alice si ritrova in un'ampia stanza, dove beve la fialetta con sopra scritto "Bevimi" che la fa rimpicciolire, così da consentirle di passare attraverso una piccola porta, anche se, come capita nel classico, deve prima ritornare grande grazie ad un pezzo di torta "Mangiami", in modo da prendere la chiave lasciata sul tavolino. Dalla stanza può sentire alcune voci. Uscita dalla minuscola porta si ritrova in un giardino, dove ci sono il Bianconiglio, il Ghiro, il Dodo, Pancopinco e Pincopanco che parlano di lei come di una salvatrice, chiamando il Paese delle Meraviglie "Sottomondo". Alcuni di questi appaiono però dubbiosi e non vedono in lei la vera "Alice".

Turbati dal dubbio, il gruppo si reca dal Brucaliffo, che gli mostra l'Oraculum, una pergamena magica capace di illustrare gli avvenimenti futuri, che mostra alla piccola compagnia che il destino di Alice è quello di uccidere, nel Giorno gioiglorioso, il Ciciarampa, un mostro sanguinario simile a un drago al servizio della Regina Rossa. Tuttavia il bruco afferma anche che la ragazza "prelevata" dal Bianconiglio non assomiglia quasi affatto alla vera "Alice".

Di tutto ciò la ragazza capisce sempre meno, quando, improvvisamente, vengono aggrediti dal Grafobrancio, trattenuto da alcune carte di cuori, capeggiate dal malvagio Fante di Cuori, che intanto cercano di catturare il gruppo. Alice rimane paralizzata davanti alla bestia, ma nel mentre il Ghiro distrae il Grafobrancio cavandogli l'occhio permettendo alla ragazza di fuggire con Pancopinco e Pincopanco. I gemelli vengono però presto catturati dall'Uccello Ciacià e Alice rimane da sola, continuando a correre.

Nel frattempo, nel suo castello, la perfida Regina Rossa, accusato uno dei suoi schiavi di aver rubato tre crostate, gli fa tagliare la testa. Il Fante di Cuori entra nella stanza e le dà l'Oraculum. La Regina Rossa, infuriata dal fatto che il Ciciarampa sarebbe stato ucciso da "Alice", incarica il suo fido servitore di trovare la ragazza.

Alice sta ancora scappando quando incontra nella foresta lo Stregatto, che dopo averla riconosciuta la conduce nel giardino del Cappellaio Matto e del Leprotto Marzolino per curare le sue ferite. Vengono però tutti catturati (tranne lo Stregatto) dalle forze della Regina Rossa, ma il Cappellaio riesce a salvarla in tempo rimpicciolendola e lanciandola via con il suo cappello.

Alice allora raggiunge il castello della Regina Rossa, per liberare il Cappellaio, e, mangiando dell'avanzata torta "tortinsù", cresce alta due metri e viene accolta per un periodo al castello (sotto il nome di "Ehm"): qui ha il modo di restituire l'occhio al Grafobrancio, domandolo, e di prelevare la chiave dal collo della bestia per aprire una cassa in cui è custodita la spada Bigralace che avrebbe ucciso il Ciciarampa. In seguito, scoperta, Alice scappa in groppa al Grafobrancio per recarsi al castello della Regina Bianca, la sorella buona della perfida Regina Rossa, con la spada e l'oraculum. Qui scopre il significato del vero amore e realizza che dovrà combattere la Regina Rossa e le sue carte di cuori e uccidere il Ciciarampa, per liberare il Paese delle Meraviglie dalla Tirannia.

Durante l'esecuzione del Capellaio e del Ghiro al castello (scoperti come traditori), il Cappellaio riesce a liberarsi grazie all'aiuto dello Stregatto e a sollevare una prima ribellione del popolo nei confronti della Regina Rossa. Il Cappellaio e gli altri protagonisti "buoni" del Sottomondo riescono a raggiungere il castello della Regina Bianca. Mentre si preparano per la battaglia, il Brucaliffo s'imbozzola prima di far finalmente comprendere ad Alice di essere la prescelta.

Giunti al giorno gioiglorioso, lo scontro finale avviene sopra una gigantesca piattaforma dal pavimento che ricorda una scacchiera: da una parte vi è lo schieramento della Regina Bianca con le sue pedine degli scacchi bianchi e il Grafobrancio, mentre dalla parte opposta, in egual numero, c'è l'esercito di carte di cuori della Regina Rossa. La sfida tra Alice e il Ciciarampa ha dunque inizio e si conclude con la vittoria della ragazza, che uccide il mostro decapitandolo con la spada, mentre il Cappellaio Matto sottomette il Fante di Cuori, e l'Uccello Cicicià viene ucciso. La Regina Rossa, in seguito alla ribellione dei suoi soldati perde quindi la corona che va alla Regina Bianca, la quale ordina l'esilio eterno per la sorella malvagia in compagnia del disperato Fante di Cuori.

Alla fine della lotta, Alice decide di bere il sangue del Ciciarampa tornando così nel "suo" mondo, rifiutando la possibilità di restare per sempre nel Paese delle Meraviglie come il Cappellaio, invece, si augurava.

Nella vita reale il tempo non è passato, e Hamish Ascot è ancora in ginocchio in attesa della risposta di Alice circa la possibilità di sposarlo. La ragazza rifiuta il matrimonio perché non si sente ancora pronta e decide invece di portare a termine il lavoro d'affari lasciato incompiuto dal padre, partendo quindi per nuove avventure a bordo di una nave, dove vede una farfalla blu: il Brucaliffo.