biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

Letture d'Oriente

dal 27 aprile 2020

Rubrica settimanale #laculturaincasa #ioleggoacasa

Un viaggio nella narrativa orientale attraverso una serie di brevi video, nei quali la casa editrice, l'autore o il traduttore dell'opera dialogheranno partendo da alcuni passi scelti. 

I video saranno visibili ogni lunedì, a partire dal 27 aprile, sulle pagine Facebook di Roma Multietnica, della biblioteca Nelson Mandela e di Biblioteche di Roma.

 

Lunedì 27 aprile dalle ore 18

Si viaggia in compagnia di 𝗢𝗿𝗶𝗲𝗻𝘁𝗮𝗹𝗶𝗮 𝗲𝗱𝗶𝘁𝗿𝗶𝗰𝗲 e dello scrittore 𝗜𝘀𝗮𝗶𝗮 𝗜𝗮𝗻𝗻𝗮𝗰𝗰𝗼𝗻𝗲, che parleranno dei romanzi 𝐼𝑙 𝑠𝑖𝑝𝑎𝑟𝑖𝑜 𝑑𝑖 𝑔𝑖𝑎𝑑𝑎 e 𝐼𝑙 𝑞𝑢𝑎𝑑𝑒𝑟𝑛𝑜 𝑑𝑖 𝑉𝑒𝑟𝑏𝑖𝑒𝑠𝑡, che fanno parte di una trilogia dedicata ai missionari gesuiti nel Celeste Impero.

Vai al video

 

Lunedì 4 maggio dalle ore 18

Di nuovo in compagnia di 𝗢𝗿𝗶𝗲𝗻𝘁𝗮𝗹𝗶𝗮 𝗲𝗱𝗶𝘁𝗿𝗶𝗰𝗲 con il romanzo cinese 𝗟𝗲 𝗮𝘃𝘃𝗲𝗻𝘁𝘂𝗿𝗲 𝗱𝗶 𝘂𝗻 𝗿𝗮𝗴𝗮𝘇𝘇𝗼 𝗯𝗿𝘂𝘁𝘁𝗼, a cura di 𝗚𝗶𝗼𝘃𝗮𝗻𝗻𝗶 𝗩𝗶𝘁𝗶𝗲𝗹𝗹𝗼, docente di Lingua e Letteratura cinese presso L’Orientale di Napoli. Si tratta di un raro racconto (omo)erotico cinese pubblicato intorno al 1630, nell'ultimo decennio della dinastia Ming. 

Vai al video

 

Lunedì 11 maggio dalle ore 18

𝗙𝗮𝘇𝗶 𝗲𝗱𝗶𝘁𝗼𝗿𝗲 ci introdurrà il romanzo 𝗙𝘂𝗴𝗮 𝗱𝗶 𝗺𝗼𝗿𝘁𝗲, di 𝗦𝗵𝗲𝗻𝗴 𝗞𝗲𝘆𝗶 e con la traduzione di Eugenia Tizzano. Sarà poi l'autrice stessa a parlarcene in questo incontro direttamente dalla Cina. 

Rifiutato in Cina per il suo contenuto controverso e pubblicato per la prima volta in inglese, Fuga di morte rappresenta il coraggioso tentativo da parte della sua autrice di confrontarsi con l’eredità della protesta di Tienanmen e della sua aspra repressione. Sheng Keyi si afferma come una delle voci più interessanti della narrativa cinese contemporanea.

Vai al video

 

Lunedì 18 maggio dalle ore 18

La casa editrice 𝗢 𝗯𝗮𝗿𝗿𝗮 𝗢 𝗲𝗱𝗶𝘇𝗶𝗼𝗻𝗶 ci porterà in Vietnam proponendoci il libro 𝗩𝗶𝗲̣̂𝘁 𝗡𝗮𝗺. 𝗠𝗶𝘁𝗶 𝗲 𝗿𝗮𝗰𝗰𝗼𝗻𝘁𝗶, tradotto e curato da 𝗔𝗹𝗲𝘀𝘀𝗮𝗻𝗱𝗿𝗮 𝗖𝗵𝗶𝗿𝗶𝗰𝗼𝘀𝘁𝗮 e 𝗠𝗮𝘂𝗿𝗶𝘇𝗶𝗼 𝗚𝗮𝘁𝘁𝗶 (2014).
Il libro descrive il “paesaggio culturale” del Vietnam attraverso il patrimonio tradizionale di miti, leggende, racconti che rivelano il modo di concepire il mondo e di autorappresentarsi del popolo Viet. Ai favolosi racconti sulla fondazione del Regno dei Viet si affiancano quelli sulla formazione dei paesaggi naturali e sugli accadimenti storici, sulle eroine e sugli eroi, ma anche sulla preparazione e sul simbolismo dei cibi tradizionali.

Vai al video

 

Lunedì 25 maggio dalle ore 18

Si viaggerà con la casa editrice dei Merangoli che ci introdurrà due raccolte di haiku, una forma brevissima di poesia di solo tre versi nata in Giappone nel XVII secolo: 𝗦𝘂𝗹𝗹𝗲 𝗻𝗼𝘁𝗲 𝗱𝗲𝗹 𝘃𝗲𝗻𝘁𝗼, di 𝗠𝗮𝗿𝘂𝘆𝗮𝗺𝗮 𝗗𝗮𝗶𝘇𝗲𝗻 (2018) e Solo la luna in silenzio, di 𝗡𝗮𝘁𝘀𝘂𝗺𝗲 𝗦𝗼̄𝘀𝗲𝗸𝗶 (2019). Il curatore e traduttore 𝗗𝗶𝗲𝗴𝗼 𝗠𝗮𝗿𝘁𝗶𝗻𝗮 ce ne leggerà e spiegherà alcuni tra i più interessanti.

Vai al video

 

Lunedì 1 giugno dalle ore 18

 

In compagnia di Orientalia editrice, torneremo in Cina per parlare del libro CDS - Cinese da strada, scritto da Antonio Magistrale e Jacopo "Jappo" Bettinelli, che raccoglie neologismi, insulti, parolacce, allusioni entrati ormai nel linguaggio comune dei cinesi che navigano il web e che è bene conoscere per non trovarsi impreparati ad affrontare la Cina odierna.

I due autori del volume hanno vissuto e lavorato per diversi anni in Cina, dove hanno aperto un blog, ABCina.it, in cui trattano temi di attualità, business, cultura generale, raccontando la Cina con gli occhi di chi la vive giornalmente.

Vai al video

 

Lunedì 8 giugno dalle ore 18

 

La casa editrice dei Merangoli ci propone un'altra raccolta di poesie giapponesi intitolata Minimal, di 𝗧𝗮𝗻𝗶𝗸𝗮𝘄𝗮 𝗦𝗵𝘂𝗻𝘁𝗮𝗿𝗼̄ (2019).

Shuntarō è considerato il più famoso e anche il più letto poeta giapponese vivente, non solo in patria, ma anche all’estero.

Ne parlerà Diego Martina, curatore e traduttore della raccolta.

"Spoglio di ogni retorica e con parsimonia di parole, Tanikawa Shuntarō ci regala i versi di Minimal, uno scrigno di silenzi che rappresenta anche un traguardo continuamente rinviato per più di sessant'anni: comporre poesie estremamente brevi senza dover forzatamente rinunciare al proprio occhio sul presente". (Diego Martina)

 

Vai al video

 

Per info:

a.dente@bibliotechediroma.it

info@romamultietnica.it

www.romamultietnica.it

 

A cura del Servizio Intercultura di Biblioteche di Roma

 

#letturedoriente

Fa parte di

Oltre Il Maggio dei Libri

Altri appuntamenti