biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

sabato
30
maggio
martedì
1
settembre

Gli amici ri-ascoltati: Le avventure di Tom Sawyer

30 maggio - 1 settembre 2020

Grandi classici per ragazzi da leggere o ascoltare

Questa settimana, per "Gli amici ri-ascoltati" vi proponiamo la lettura e l’ascolto del libro Le avventure di Tom Sawyer di Mark Twain, pseudonimo di Samuel Langhorne Clemens.

 

Clemens, considerato un padre della letteratura americana, approda alla scrittura mentre lavora come apprendista tipografo, pilota di battelli a vapore, minatore e cercatore di miniere e mentre viaggia per tutto il paese, ne conosce i costumi, i modi di parlare e si confronta con la grande varietà di uomini e donne che lo abitano. Un’umanità di cui si sarebbe divertito a denunciare le vanità, le ipocrisie, le ambizioni, il perbenismo e i delitti. Usa pseudonimi diversi per pubblicare i suoi primi articoli di giornale, fino a scegliere nel 1863 il nome di Mark Twain, segna due”, ovvero “dal segno due tese” il grido che, in gergo, segnalava al pilota di battello la profondità del fiume Mississipi.

 

Nel 1876 l’American Publishing Company dà alle stampe The Adventures of Tom Sawyer con le illustrazioni di True Williams (Truman W. Williams). Il libro esce in contemporanea a Londra senza illustrazioni e in una versione revisionata a seguito delle osservazioni dell’amico, scrittore e critico letterario, William Dean Howells. Una doppia edizione del testo che avrebbe creato incertezze e confusione, seppure oggi la pubblicazione americana, fedele al manoscritto originale, sia considerata la versione più autorevole.

 

Nella breve prefazione al romanzo Twain intende dare forza realistica ai suoi personaggi, dichiarando che la gran parte delle avventure riportate nel libro “sono realmente accadute: un paio proprio a me, le altre ai miei compagni di scuola. [...] Le stravaganti superstizioni alle quali si fa cenno erano realmente diffuse tra i bambini e gli schiavi del West all’epoca in cui si svolge la storia, cioè trenta o quaranta anni fa…” (trad. A. Bottini, Mondadori 2001). La narrazione si svolge infatti negli anni che precedono la Guerra di Secessione, nello stato schiavista del Missouri sulle rive del fiume Mississipi, nella cittadina di St. Petersburg, invenzione dell’autore, ma che di fatto si ispira alla città di Hannibal in cui Twain aveva trascorso la giovinezza. St. Petersburg segna il confine in cui il giovane Tom vive le sue avventure, perché – come scrive Antonio Faeti – l’adolescenza è di per sé un viaggio, è un percorso, ma lo spazio di questo viaggio è delimitato, è “tutto lì”, perché la ragione profonda del viaggio è data dal sogno, dalla capacità di trasfigurare fantasticamente un territorio preciso e limitato”.

 

Il viaggio, fuori dai confini di St. Petersburg, sarà invece affrontato da Huck in Le avventure di Huckleberry Finn, il romanzo che nel 1884 esce in Inghilterra e nel 1885 negli Stati Uniti, con le illustrazioni, volute dallo stesso Twain, di Edward Winsor Kemble. Alla fine del libro, Huck e Tom si ritroveranno per diventare in seguito i protagonisti di altri due romanzi pubblicati una decina di anni dopo: Tom Sawyer Abroad del 1894 e Tom Sawyer Detective del 1896 che chiude definitivamente le avventure dei due amici.

 

In Italia Le avventure di Tom Sawyer saranno pubblicate da Bemporand solo nel 1909 con la traduzione di Teresa Orsi e B. C. Rawolle, mentre nel 1915 usciranno di Le avventure di Huckleberry Finn sempre tradotte dalla Orsi per lo stesso editore.

 

Attraverso la scrupolosa analisi delle abitudini umane, Twain riesce a far emergere la falsità e la superbia che si cela nelle azioni e nei rapporti, svelandole con una prosa irriverente e ironica. Scrittore scomodo, amato e al tempo stesso osteggiato, è stato un sostenitore convinto dell’uguaglianza: “Io non ho pregiudizi di razza, di casta o di religione. Tutto quel che m'importa sapere di un uomo è che sia un essere umano: questo mi basta... non potrebbe essere niente di peggio”.

 

Illustrazione di Norman Rockwell.

 

Come utenti di Biblioteche di Roma, potete leggere o rileggere le storie di Tom Sawyer e Huckleberry Finn in e-book in italiano qui e in inglese qui.

 

È possibile ascoltare l’audiolibro di Le avventure di Tom Sawyer accedendo alla piattaforma MLOL. Per gli audiolibri in lingua inglese delle storie di Tom Sawyer e Huckleberry Finn vedi qui.

 

In via eccezionale, per la durata dell’emergenza, gli e-book e gli audiolibri on-line possono essere presi in prestito gratuitamente da tutti gli iscritti a Biblioteche di Roma.

Fa parte di

Gli amici ri-ascoltati