biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

Gli amici ri-ascoltati: I libri della giungla

dal 13 giugno 2020

Grandi classici per ragazzi da leggere o ascoltare

Questa settimana, per "Gli amici ri-ascoltati" vi proponiamo la lettura e l’ascolto del Il libro della giungla di Rudyard Kipling.

Le storie della giungla uscirono a puntate su varie riviste tra il 1893 e il 1894, accompagnate dalle illustrazioni di John Lockwood Kipling, pittore e critico d’arte, nonché padre dell’autore. I sette racconti, pubblicati nella raccolta The Jungle Book nel 1984, venivano dati alle stampe in simultanea a Londra, presso Macmillan and Co., e a New York, presso The Century Co.

Kipling, nato a Bombay da famiglia inglese, era cresciuto e vissuto tra l’India e l’Inghilterra, ma si era da poco stabilito a Dummerston nel Vermont a seguito del matrimonio con l’americana Caroline Balestier. La lontananza dalla sua terra d’origine e la nascita della primogenita Josephine avevano forse incoraggiato Rudyard a rievocare l’India della sua infanzia e a rivolgersi a dei giovani lettori. Dopo il successo dei primi, arrivarono altri nuovi sette racconti che, dopo essere apparsi su alcune riviste, vennero riuniti in The Second Jungle Book e pubblicati nel 1895 a Londra e a New York.

Nei quattordici racconti si narrano le storie di animali e di uomini, dei loro habitat e di come gli uni e gli altri interagiscono tra loro cercando di conservare un equilibrio precario, difficile da tutelare. Oltre alle ben note avventure di Mowgli, fanno parte dei libri della giungla anche le storie di altri personaggi come, ad esempio, Rikki-Tikki-Tavi, Toomai degli elefanti, La foca bianca, Quiquern, mentre ciascuna storia è accompagnata da una Canzone in versi che completa e chiarisce il senso della narrazione amplificandone gli insegnamenti morali. Le storie di Kipling attingono ai racconti ascoltati nell’infanzia, narrati – scrive Antonio Faeti – “nelle lingue native da camerieri, governanti, cuochi, giardinieri e cocchieri […] le fiabe, le leggende di tanti popoli abitanti nel subcontinente e fieri delle loro mille diversità”; tanto da diventare difficile distinguere il ricordo dall’invenzione, difficile ricordare da dovesono stati rubati”. Si mescolano i luoghi reali con luoghi immaginati in una ricostruzione della giungla, così come dei giacchi del nord, sospesa tra realtà e finzione.

Gli animali antropomorfici di Kipling non sono altro che archetipi umani, specchi di virtù e debolezze. L’orso Baloo, la pantera Bagheera, l’elefante Hathi, la tigre Shere Khan, lo sciacallo Tabaqui, il serpente Kaa, le scimmie della tribù di Bandar-log, mostreranno a Mowgli, il cucciolo d’uomo allontanato dalla sua comunità, le leggi pericolose ma al tempo stesso armoniche della giungla, gli insegneranno a rispettare le regole che governano la vita di un gruppo organizzato che, per il bene di tutti, segue gerarchie prestabilite. Mowgli non appartiene né al mondo degli uomini né al mondo della giungla, ma attraverso il branco dei lupi impara a conoscere e a muoversi tra mondi diversi e a trovare infine il suo posto.

I racconti di Mowgli catturarono l’interesse del generale inglese Robert Baden-Powell che, nei primi anni del Novecento, aveva fondato il movimento Scout sancendone i principi nel libro Scautismo per ragazzi del 1908. Baden-Powell colse nei racconti di Kipling l’eco di quei principi che erano alla base del movimento che stava fondando e organizzando. Chiese per questo a Kipling di pubblicare in un unico volume i soli racconti di Mowgli, per farne il testo guida dei giovani Scout, che avrebbero assunto da quel momento il nome definitivo di “lupetti”.

Il talento di Rudyard Kipling venne pubblicamente riconosciuto quando nel 1907, all’età di soli 42 anni, divenne il primo autore inglese a ricevere il Premio Nobel per la Letteratura. Prima ancora che come scrittore di prosa aveva conquistato fama internazionale per la sua produzione poetica, ma i suoi libri per bambini e ragazzi restano oggi tra le opere più note in tutto il mondo.

 

Come utenti di Biblioteche di Roma, potete leggere o rileggere le storie del Il libro della giungla e del Secondo libro della giungla di Rudyard Kipling in e-book in italiano qui e in inglese qui.

È possibile ascoltare l’audiolibro qui oppure accedendo alla piattaforma MLOL . Per gli audiolibri in lingua inglese delle storie di Kipling vedi qui.

 

Per una breve nota biografica su Rudyard Kipling vedi Liber Liber.

 

In via eccezionale, per la durata dell’emergenza, gli e-book e gli audiolibri on-line possono essere presi in prestito gratuitamente da tutti gli iscritti a Biblioteche di Roma

 
Fa parte di

Gli amici ri-ascoltati

Altri appuntamenti