biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

venerdì
14
febbraio

Custodi erranti. Uomini e lupi a confronto

14 febbraio 2020 ore 17.00

Presentazione libro con l'autore

Un inedito progetto fotografico durato tre anni che riguarda la breve storia che conduce al difficile rapporto tra il lupo e la pastorizia e sulle possibili strategie per una coesistenza duratura. Una storia in cui lupi e uomini non vengono documentati in maniera separata ma come due vite parallele che si incontrano e che condividono tra loro molto più di ciò che si è portati a pensare, in un contesto ambientale ricco di personaggi e luoghi straordinari.

Tutte componenti legate tra loro da un filo, il quale potrebbe spezzarsi con grande facilità.

Una scommessa e un contributo per le presenti e future generazioni, nel valorizzare, riavvicinarsi e vivere personalmente il nostro straordinario patrimonio naturalistico (dal quale noi tutti dipendiamo) e nel risolvere importanti problematiche che riguardano la coesistenza tra il lupo ed alcune antiche attività umane legate all’ambiente in cui questo straordinario e indescrivibile predatore vive e ha vissuto per millenni.

La prima edizione è stata presentata in tutto il territorio nazionale. in musei storici, parchi, università, associazioni e in canali televisivi come GEO&GEO (Rai tre), Rai Cultura e radio nazionali. In Trentino è stato presentato, oltre al MUSE, anche presso il Centro Documentazione Luserna, dove l’autore ha avuto l'opportunità e il piacere di dare il suo contributo con una mostra multimediale, allestita in occasione dell'esposizione "Il Ritorno del Lupo" che in 4 mesi è stata visitata da circa 20.000 persone. Contribuendo alla sensibilizzazione su questa tematica così delicata.
 
Custodi erranti. Uomini e lupi a confronto(Pandion edizioni, 2019)
 
Matteo Luciani è nato a Roma. Da sempre affascinato dalla complessità e dalla bellezza della natura, decide di conseguire un percorso universitario triennale e magistrale in Ecologia.
Per poter comprendere al meglio ciò che legge sui libri universitari e sulle guide naturalistiche, si reca spesso in diverse località dell’Appennino centrale. Durante le sue passeggiate sente il bisogno di immortalare la diversità e la bellezza dalla quale era circondato; così decide di acquistare la sua prima macchina fotografica, senza sapere che la fotografia sarebbe diventata, da lì a breve, parte integrante della sua vita.
Con il tempo, la fotografia gli ha permesso di inglobare argomenti diversi ma strettamente correlati tra loro e che insieme rappresentano la base di alcuni suoi progetti fotografici.
Uno degli obiettivi principali che traspare dai suoi lavori è quello di far riavvicinare l’uomo, con un approccio curioso, rispettoso, entusiastico ma soprattutto coscienzioso, al contesto naturale, semi-naturale e sociale dal quale egli dipende