BiblioTu il catalogo online delle Biblioteche di Roma, richiesta prestiti, libri, ebook, video, wifi. Novità, letture, eventi in biblioteca.

Eventi Bibliocard

Innamorati del TEDESCO all'Österreich Institut Roma, segui i nuovi corsi di febbraio
12 febbraio - 15 marzo 2018

Sono in partenza i nuovi corsi di tedesco del semestre estivo 2018! Il nuovo programma del semestre estivo inizia infatti a febbraio e prevede:

  • Corsi trimestrali e semestrali articolati secondo le linee guida europee e con soluzioni per diverse esigenze (mattina/pomeriggio/sera; anche di sabato).
  • . ..sprint - Tedesco ad alta velocità (A1 e A2) e corsi intensivi B1 e B2
  • Corsi speciali, come i corsi di lettura (materie umanistiche), i corsi di conversazione, il laboratorio teatrale, il caffè letterario.
  • Lezioni individuali, minigruppi, corsi aziendali

L’Österreich Institut inoltre offre attestati gratuiti e validi per i crediti formativi e garantisce insegnanti solo di madrelingua tedesca e con specifica formazione per l’insegnamento del tedesco come lingua straniera. I gruppi sono da massimo 12 persone.

 

Sconto riservato ai possessori della Bibliocard: 5%                                                                                                 

 

Viale Giulio Cesare 47
00192 Roma (M Lepanto)
Tel./Fax: 06 32 13 483
e-Mail: info@oeiroma.it
http://www.roma.oesterreichinstitut.it/

Opera in mostra”: 7 concerti con visita guidata alla mostra “Artisti all’Opera
2 febbraio - 9 marzo 2018
Il Teatro dell’Opera di Roma sulla frontiera dell’arte con l'iniziativa Opera in mostra. Con le esibizioni dei talenti di “Fabbrica YAP II edizione 2018/2019” prende vita così un’altra iniziativa che avvicina il Teatro dell’Opera alla città, con l’obiettivo di favorire la trasmissione di sapere e la promozione di nuovi talenti italiani e stranieri, e dare loro la possibilità di inserirsi nel campo dell’opera lirica.
L’evento ha inizio alle ore 17.30 con la visita guidata all’esposizione a cura di Francesco Reggiani (responsabile Archivio storico del Teatro dell’Opera di Roma), cui segue alle ore 18.15 il concerto di “Fabrica” nel Salone d’Onore.
Visita guidata alla mostra “Artisti all’Opera. Da Picasso a Kentridge (1880-2017)” presso il Museo di Roma a Palazzo Braschi con un programma di sette concerti con celebri arie da opere di Verdi, Leoncavallo, Mascagni e autori francesi, abbinati ad altrettante visite guidate alla mostra Artisti all’Opera. 
L’iniziativa, in calendario ogni settimana fino al 9 marzo.
L’evento, con ingresso previo acquisto del biglietto d’ingresso alla mostra, ha inizio alle ore 17.30 con la visita guidata all’esposizione a cura di Francesco Reggiani (responsabile Archivio storico del Teatro dell’Opera di Roma), cui segue alle ore 18.15 il concerto di “Fabbrica” nel Salone d’Onore.

Alla visita guidata possono partecipare massimo 50 persone, con prenotazione allo 060608. La partecipazione al concerto è consentita fino al riempimento della sala.

Biglietto d'ingresso
Partecipazione all'evento previo acquisto del biglietto d’ingresso alla mostra con la riduzion Bibliocard.
Prossimi appuntamenti 
Rigoletto
09/02/2018
ore 18.15 nel Salone d’Onore il concerto con celebri arie tratte dall'opera RIGOLETTO di Giuseppe Verdi in cui si esibiscono i nuovi talenti di “Fabbrica” Young Artist Program del Teatro dell’Opera di Roma:
il baritono Andrii Ganchuk in "Cortigiani, vil razza dannata";
il soprano Rafaela Albuquerque Faria in "Caro nome";
il soprano Rafaela Albuquerque Faria, il mezzosoprano Sara Rocchi, il tenore Domenico Pellicola, e il baritono Andrii Ganchuk in "Bella figlia dell’amore".

Pianista: Elena Burova.
 
Il Tesoro di Antichità: Winckelmann e il Museo Capitolino nella Roma del Settecento
7 dicembre 2017 - 22 aprile 2018

“Vivo come un artista e come tale sono accolto nei luoghi dove ai giovani è permesso di studiare, come nel Campidoglio. Qui è il Tesoro delle antichità di Roma e qui ci si può trattenere in tutta libertà dalla mattina alla sera”.
È il 7 dicembre del 1755 ed è con queste parole che Johann Joachim Winckelmann, giunto a Roma da appena tre settimane grazie a una borsa di studio conferita dal principe Elettore di Sassonia, descrive a un amico la sua prima visita al Museo Capitolino, il primo museo pubblico d’Europa, luogo in cui il vitale rapporto con l’Antico può essere coltivato in assoluta libertà, “von Morgen bis in den Abend” (dalla mattina alla sera).

 
La mostra intende celebrare gli importanti anniversari winckelmanniani del 2017 (300 anni dalla nascita) e del 2018 (250 anni dalla morte) e si inserisce nel contesto delle manifestazioni europee coordinate dalla Winckelmann Gesellschaft di Stendal, dall’Istituto Archeologico Germanico di Roma e dai Musei Vaticani.

L’esposizione ha una duplice finalità: la prima, offrire ai visitatori il racconto degli anni cruciali che hanno portato, nel dicembre del 1733, all’istituzione del Museo Capitolino, destinato non solo alla conservazione ma anche alla promozione della “magnificenza e splendor di Roma”; la seconda, presentare le sculture capitoline sotto una luce diversa, ovvero attraverso le intuizioni, spesso geniali, del grande Winckelmann.

Arricchita da una selezione di 124 opere e da apparati multimediali realizzati appositamente, il Tesoro di Antichità si sviluppa in tre sedi diverse nell’ottica di una “mostra diffusa”: le Sale Espositive di Palazzo Caffarelli, le Stanze Terrene di Sinistra del Palazzo Nuovo e le Sale museali del Palazzo Nuovo.

Negli anni in cui Winckelmann rivoluziona il modo di studiare le testimonianze del mondo antico dando inizio alla moderna archeologia, il modello di museo pubblico rappresentato dal Museo Capitolino si diffonde rapidamente in tutta Europa, segnando la nascita di modalità del tutto nuove di fruizione dei beni artistici: un Tesoro di Antichità non più concepito come proprietà esclusiva di pochi, ma come luogo destinato all’avanzamento culturale della società.