BiblioTu il catalogo online delle Biblioteche di Roma, richiesta prestiti, libri, ebook, video, wifi. Novità, letture, eventi in biblioteca.

Biblioteche, il baluardo della cultura nonostante tutto

dal 17 settembre 2017
Intervista al Presidente Paolo Fallai
Con oltre un milione di libri le Biblioteche di Roma sono un avamposto culturale della città, ma servirebbero più investimenti. La capitale spende per questi luoghi di cultura la metà di quanto fanno Torino e Milano.

Sono una delle istituzioni culturali più importante di Roma. Nonché un polo di aggregazione formidabile. Eppure anche questa realtà della Capitale, come tante altre, sta attraversando un periodo complicato. Stiamo parlando delle Biblioteche di Roma, istituzione sorta nel 1996, che raccoglie 39 sedi bibliotecarie (escludendo quelle nelle carceri e quelle federate), con oltre un milione di libri messi a disposizione e circa 2 milioni e 300mila visite annuali. Numeri importanti che, forse complice la freddezza del mero dato numerico, non riescono a rendere l’importanza sociale e culturale di questo istituto di Roma Capitale: queste diventano, soprattutto nelle periferie, un vero polo di aggregazione, un’isola felice per studenti e appassionati di letteratura, un luogo di «socialità diffusa» in tempi di disgregazione.

 

Le biblioteche oramai non sono più solo un luogo dove si raccolgono libri polverosi, sono sempre più un avamposto culturale fondamentale per la circolazione delle idee e per l’accesso al sapere – spiega a Roma Italia Lab il presidente di Biblioteche di Roma, uomo di cultura e autorevole firma del Corriere della Sera, Paolo Fallai - Le biblioteche sono una delle ultime trincee rimaste per una informazione corretta, un baluardo contro le fake news.

Vai all'intervista integrale.

 

Incontri con i 12 autori candidati al Premio Biblioteche di Roma

3 ottobre - 21 novembre 2017
Incontri pre-fiera “Più Libri Più Liberi”
I dodici incontri con gli autori dei libri candidati al Premio Biblioteche di Roma, edizione 2017 costituiscono la serie di appuntamenti che preannunciano la Fiera della piccola e media editoria Più libri più liberi che si terrà, quest’anno,

nella spettacolare sede della “Nuvola” dell’EUR.

I Circoli di lettura delle Biblioteche e dei Bibliopoint, come di consueto, sono coinvolti attivamente nel Premio: i lettori stanno leggendo i libri e saranno chiamati a votare i loro preferiti, a conclusione di tutti gli incontri.

In Fiera, dove si svolgeranno i cinque eventi curati dall’Istituzione Biblioteche, avverrà la proclamazione dei due autori vincitori, uno per la narrativa e l’altro per la saggistica.

 

Incontri con i 12 autori candidati al Premio Biblioteche di Roma

 

 

Martedì 3 ottobre ore 17  

Bibliocaffè Letterario

Marilena Renda, Regali ai fantasmi, Mesogea, 2017

Candidato per la sezione narrativa

Sarà presente l’autrice

Con Nadia Terranova

 

Giovedì 5 ottobre ore 17

Biblioteca Flaminia

Alessandro GariglianoMia figlia, don Chisciotte, NN editore, 2017

Candidato per la sezione narrativa

Sarà presente l’autore

Con Simona Cives

 

Sabato 7 ottobre ore 11

Biblioteca Franco Basaglia

Blessing Okoedion - Anna PozziIl coraggio della libertà. Una donna uscita dall'inferno della tratta, Edizioni Paoline, 2017

Candidato per la sezione saggistica

Sarà presente l’autrice, Blessing Okoedion

Con la partecipazione di suor Rita Giaretta, fondatrice di Casa Rut

Modera Tiziana Bartolini

 

Martedì 10 ottobre ore 17

Biblioteca Aldo Fabrizi

Amir IssaaVivo per questo, Chiarelettere, 2017

Candidato per la sezione NARRATIVA

Sarà presente l’autore

Con Maria Francesca Gagliardi

 

Giovedì 12 ottobre ore 17

Biblioteca Villino Corsini

Elio PagliaraniIl fiato dello spettatore e altri scritti sul teatro (1966-1984), L’Orma, 2017

Candidato per la sezione saggistica

Sarà presente la curatrice Marianna Marrucci

Con Simona Cives

   

Martedì 17 ottobre ore 17  

Biblioteca Guglielmo Marconi

Loredana Cornero, 1977. Quando il femminismo entrò in tv, Harpo, 2017

Candidato per la sezione saggistica

Sarà presente l’autrice

Con Maria Francesca Gagliardi

 

Giovedì 19 ottobre ore 17

Biblioteca Nelson Mandela

Antonio Sgobba, ? Il paradosso dell’ignoranza da Socrate a Google, Il Saggiatore, 2017

Candidato per la sezione saggistica

Sarà presente l’autore

Con Nadia Terranova

 

Martedì 24 ottobre ore 17 (orario da confermare)

Biblioteca Villa Leopardi

Antonio Di Martino - Fabrizio CammarataUn mondo raro, La nave di Teseo, 2017

Candidato per la sezione narrativa

Saranno presenti gli autori

Con Felice Liperi

 

Giovedì 26 ottobre ore 17.30

Biblioteca Gianni Rodari

Antonella MeianiTutti i bambini devono essere felici, Terre di mezzo, 2016

Candidato per la sezione saggistica

Sarà presente l’autrice

Con Felice Liperi e Gioacchino de Chirico

 

Martedì 7 novembre ore 17

Biblioteca Europea

Maria Rosaria Valentini, Magnifica, Sellerio, 2016

Candidato per la sezione narrativa

Sarà presente l’autrice

Con Tiziana Bartolini

 

Martedì 14 novembre ore 17

Biblioteca Vaccheria Nardi

Giorgia Serughetti – Cecilia D’EliaLibere tutte. Dall'aborto al velo, donne nel nuovo millennio, Minimumfax, 2017

Candidato per la sezione saggistica

Saranno presenti le autrici

Con Gioacchino de Chirico

 

Martedì 21 novembre ore 17  

Teatro Biblioteca Quarticciolo

Claudia Durastanti, Cleopatra va in prigione, Minimumfax, 2016

Candidato per la sezione narrativa

Sarà presente l’autrice

Con Gioacchino De Chirico

 

I concerti dell'Aula Magna : al via la 73° Stagione dell' Istituzione Universitaria Concerti

14 ottobre 2017 - 20 maggio 2018
Aula Magna - Sapienza Università di Roma P.le Aldo Moro 5 - città universitaria, palazzo del Rettorato
Anche quest’anno la IUC propone al pubblico dell'Aula Magna una delle stagioni più dinamiche del panorama musicale italiano, una continua alternanza di epoche, strumenti e generi differenti. La inaugura Anna Caterina Antonacci
col Combattimento di Tancredi e Clorinda e la conclude Peppe Barra, ineguagliato interprete della tradizione partenopea. Il nucleo della stagione è la musica classica dal Rinascimento ai nostri giorni, sempre presentata in modo originale e stimolante. Ecco dunque Les Noces di Stravinskij nella versione di Roberto De Simone, Il Flauto magico con Elio delle Storie Tese e i solisti dei Berliner Philharmoniker, il Bach di Ramin Bahrami a cui si sovrappongono le improvvisazioni di Danilo Rea. Non mancano il jazz e le musiche tradizionali extraeuropee: Jordi Savall presenta la musica ottomana in dialogo con altre musiche del vicino oriente, e l'argentino Daniel Melingo esplora in modo personale ed evocativo il mondo del tango.
E tanti altri grandi interpreti, tra cui i violinisti Isabelle Faust e Shlomo Mintz, il violoncellista Giovanni Sollima, il chitarrista Manuel Barrueco,
i pianisti Fazil Say e Alexei Volodin, il Quartetto Borodin.
La IUC, che negli anni ha presentato tanti giovani talenti, in questa stagione farà debuttare a Roma il violoncellista Edgar Moreau e il fenomenale Alexander Malofeev, un genio del pianoforte di soli sedici anni.

Campagna abbonamenti
dal 4 settembre al 9 ottobre
lun/ven 10.30-13.00 / 14.00 -17.30
Lungotevere Flaminio 50
(pagamento con Carta di credito, bonifico, assegno, contanti)
 
PRESSO LA SAPIENZA
Abbonamenti a posto fisso e Abbonamenti UniIUC
dal 12 settembre al 5 ottobre

Sapienza Università di Roma – Botteghino Aula Magna (Palazzo del Rettorato, Ingresso Museo Laboratorio) p.le Aldo Moro 5
martedì, mercoledì, giovedì ore 10 – 17
(pagamento con assegno o contanti)

 

I possessori di carta Bibliocard in corso beneficiano di una riduzione del 20% sul biglietto intero per tutti i concerti IUC  con sede in Aula Magna. Le riduzioni saranno valide fino ad esaurimento posti disponibili. All'ingresso della sala è obbligatorio avere con sè un documento d'identità e la Bibliocard.

 

NOTE IN BIBLIOTECA

Nella programmazione della Iuc anche la terza edizione dei concerti di Note in Biblioteca, che si svolgeranno ad ingresso gratuito nelle biblioteche di Roma. Quest'iniziativa, le cui precedenti edizioni sono state accolte con grande favore, è realizzata grazie tra  collaborazione Biblioteche si Roma, il Conservatorio "Santa Cecilia" e la Facoltà di Musicologia dell'Università "La Sapienza". Protagonisti di questi incontri saranno nel 2018  alcuni dei migliori diplomati e allievi del conservatorio romano e le musiche eseguite spazieranno dalla classica al jazz. Alcuni dei giovani esecutori saranno i pianisti João Tavares Filho e Manuel Caruso, il violinista Francisco Cóser e il Dispari Sax Quartet. Tutti i concerti saranno preceduti da introduzioni all'ascolto, che, anche in considerazione del luogo dove tali incontri si svolgono, danno particolare risalto ai rapporti tra musica e libri. A curare tali introduzioni saranno gli specializzandi di Musicologia della Sapienza sono coordinati dal prof. Antonio Rostagno.

 

African Mothers. Gulu, Uganda: viaggio fotografico di Mimmo Frassineti

21 settembre - 21 ottobre 2017
Biblioteche di Roma via Aldrovandi, 16 a
Per celebrare il 150° anniversario della nascita della Società Geografica Italiana, il Festival della Letteratura di Viaggio, giunto ormai alla 10° edizione, prenderà ufficialmente il via con l’evento organizzato dall’Istituzione Biblioteche di Roma:

 

la mostra African Mothers del fotografo e giornalista Mimmo Frassineti che si inaugurerà il 21 settembre alle ore 18.00 nella nuova sede delle Biblioteche di Roma in Via Aldrovandi 16, ex Istituto Italiano per l’Africa e l’Oriente, e rimarrà aperta fino al 21 ottobre 2017.

Abbiamo deciso di offrire la mostra fotografica allo sguardo di tutti, come si fa con un regalo inaspettato”, dichiara il Presidente delle Biblioteche di Roma Paolo Fallai, “sperando che riescano a incrinare il muro della “nostra” ignoranza e di tutto quello che non vogliamo sapere. Per cominciare da dove si trova l’Uganda, stretta al cuore del continente, lontana dai mari e bagnata dai laghi più importanti dell’Africa. Attraversata dalla linea dell’equatore e dalle maledizioni che ne hanno fatto teatro di terribili genocidi etnici. E’ grande poco meno dell’Italia, ed è sconvolta dalla crisi umanitaria in Sud Sudan, con cui confina a nord, colpito dagli effetti catastrofici di guerra civile, siccità e carestia. Solo negli ultimi 12 mesi, in Uganda, sono arrivati in media 1.800 rifugiati sud sudanesi al giorno. Il numero totale ha superato il milione, ma è destinato ad aumentare.

Ad integrazione del reportage realizzato per il Venerdì di Repubblica dalla giornalista Antonella Barina e da Mimmo Frassineti in occasione del viaggio a Gulu in Uganda settentrionale nell’autunno 2016, le 44 fotografie inedite sono in particolare dedicate al St. Mary’s Lacor Hospital, fondato come dispensario dalle suore comboniane nel 1959 per assistere le donne e gli abitanti di Lacor - villaggio a 11 km da Gulu - nell’area più povera del paese. L’originale ambulatorio con quaranta posti letto, dove le missionarie facevano da infermiere e levatrici, è diventato oggi il più grande ospedale no-profit dell'Africa orientale.

L’Uganda è nel gruppo di paesi dell’Africa sub-sahariana che vantano il record della natalità mondiale. Da qui, l’idea di raccontare come sia vissuta la maternità in una delle nazioni dove nascono al mondo più bambini, con un tasso di fecondità che sfiora i sette figli per donna. In una condizione d’indigenza estrema, che trova una speranza di salvezza nelle generose cure dispensate dal Lacor. Le foto sono ambientate nei reparti maternità e pediatria, nei viali interni e nei vasti cortili alberati dell’ospedale, come anche nelle strade, nei negozi e nel mercato della cittadina.

Il compito istituzionale delle biblioteche pubbliche è quello di garantire il libero accesso al “sapere” senza alcun vincolo. Apriamo le nostre porte a questa mostra fotografica perché la consideriamo un piccolo contributo a combattere la nostra ignoranza sull’Africa e rompere, anche solo per un momento il silenzio colpevole che la circonda”.

In occasione della giornata inaugurale verrà presentato il catalogo della mostra, pubblicato a cura di Galaad Edizioni.

La mostra è inserita negli appuntamenti del Festival della letteratura di viaggio che si svolgerà dal 21 al 24 settembre, presso Villa Celimontana e farà anche parte della programmazione del prossimo MedFilm Festival, a novembre.

 

Programma della giornata:

Mimmo Frassineti, fotografo e giornalista presenta la mostra "African Mothers" 

Saluti di

Paolo Fallai presidente dell'Istituzione Biblioteche di Roma

Antonio Politano direttore artistico del Festival della letteratura di viaggio

Presentazione del catalogo a cura di Galaad Edizioni

Interventi di

Mimmo Frassineti, "Raccontare la storia che non ti aspetti"

Dominique Corti, presidente della Fondazione Corti e membro del Consiglio di Amministrazione del Lacor Hospital, "L'eredità di un ospedale nella savana"

Antonella Barina, giornalista del Venerdì di Repubblica, "Madri dell’altro mondo"

Gabriella Sanna, "L'Intercultura nelle Biblioteche di Roma"

Performance per Kora e voce del musicista senegalese Madya Diebate

 

Per la visita della mostra (in esposizione fino al 21 ottobre 2017), contattare l'Ufficio Promozione della Lettura:
tel. 06 45460271 - s.zanini@bibliotechediroma.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Oltre lo scarto: alla scoperta del Banco Alimentare

14 - 22 settembre 2017
Presso le Biblioteche Marconi e Rodari
Biblioteche di Roma ospiterà il Banco Alimentare del Lazio in due appuntamenti per sensibilizzare sui temi del Recupero del Cibo, della Povertà Alimentare e della Riduzione dello Spreco. Sarà un’occasione per far conoscere al grande pubblico

delle biblioteche, da sempre attento ai temi sociali, l’attività che il Banco Alimentare svolge, lontano dai riflettori, parlando con le persone che quotidianamente danno risposta alla povertà.

Gli incontri prevedono, la proiezione di un breve filmato e la testimonianza di realtà di volontariato locali.  Al termine verrà offerto un Aperitivo di Recupero.

Interverrà il Presidente del Banco Alimentare del Lazio Onlus, Salvatore Giuseppe Saraniti.

Gli incontri: 

Giovedì 14 settembre 2017 alle ore 17.30 presso la Biblioteca Guglielmo Marconi parteciperà con una testimonianza, la Cooperativa San Francesco, che opera da 38 anni principalmente sul territorio dei municipi XII e XI ma anche in altre zone della città e fuori Roma. La cooperativa nasce per aiutare le persone con disabilità e le loro famiglie, ma fin dagli inizi si attiva per rispondere a tutti quelli che bussano chiedendo una mano (persone senza fissa dimora, madri sole, famiglie che non arrivano a fine mese). Da questa esperienza sono nati il Centro di Riabilitazione Psicomotoria, che accoglie persone con disabilità in regime residenziale e diurno (solo adulti) e ambulatoriale (anche bambini), e lo “Sportello Viveri” e di sostegno sociale, in convenzione con il Banco Alimentare del Lazio, che permette di seguire più di 500 persone bisognose di aiuto alimentare. 
Interverrà inoltre un volontario della Parrocchia Santa Maria del Rosario ai Martiri Portuensi

 Venerdì 22 settembre 2017 alle ore 17.30 presso la Biblioteca Rodari parteciperà con una testimonianza anche il Banco di Solidarietà l’Armonia che opera da 9 anni con oltre 100 volontari dando assistenza a più di 150 nuclei familiari, residenti a Roma e in alcuni paesi della provincia, attraverso la consegna periodica di un “pacco” di alimenti direttamente nelle casa di persone o di famiglie in gravi condizioni economiche e l’associazione Park Forest Rangers che opera dal 1990 su tutto il territorio comunale di Roma, con servizi di protezione civile, manutenzione del verde pubblico, reinserimento di ex detenuti per lavori socialmente utili e che, con il supporto del Banco Alimentare, aiuta 55 nuclei familiari che necessitano di viveri.

 

 

Passeggiando sui pentagrammi russi

22 settembre 2017 ore 19.00
Workshop musicale
L'associazione Yes-Art Italy presenta un percorso musicale non solo pianistico, attraverso la Russia tra la fine dell’’800 e la metà del ‘900.

Tale percorso introdurrà però dei contrappunti o forse sarà meglio dire dei rimandi alla letteratura, all’arte e alla danza. Saranno quattro gli appuntamenti  presso la Biblioteca Vaccheria Nardi, a cadenza mensile tra la fine di settembre e dicembre di quest’anno. Il primo, fissato per venerdì 22 settembre, sarà esclusivamente musicale e pianistico. In qualche modo introduttivo alle altre tre serate.

I brani interpretati dalla giovane pianista Natalia Valentini saranno spiegati al pubblico in modo da creare la giusta sintonia con lo spirito didattico educativo della proposta.

Programma

Pëtr Il'ič Čajkovskij (1840-1893): Notturno n° 4 opus 19 da "sei pezzi opus 19" (d.d.c. 1873) [5 ca']
Modest Petrovič Musorgskij (1839-1881): Una notte sul Monte Calvo (d.d.c./Rimskij Korsakov 1886) [15' ca]  
Sergej Vasil'evič Rachmaninov (1873-1943): Preludio n° 2 opus 3 in do# minore "Le campane" (d.d.c. 1892) [6' ca]
Pëtr Il'ič Čajkovskij (1840-1893): Danza cinese e/o danza russa da "Lo Schiaccianoci opus 71" (d.d.c. 1891) [5' ca]
Sergej Sergeevič Prokof'ev (1891-1953): Danza dei Montecchi e dei Capuleti da "Romeo e Giulietta, dieci pezzi per pianoforte solo opus 75" (d.d.c. 1937) [5' ca]
Igor' Fëdorovič Stravinskij (1882-1971): Tango (d.d.c. 1940) [4' ca]

Biblioteca Rispoli sempre con te

Dal 1 ottobre i suoi volumi in prestito con il PIM
36.000 libri della dotazione disponibili con il Prestito Interbibliotecario Metropolitano on line

guarda il video

 

 

"Il Consiglio di Amministrazione delle Biblioteche di Roma  ha curato con molta attenzione il destino del  patrimonio della biblioteca (6000 volumi del fondo storico, sono ordinati e disponibili presso la biblioteca Nelson Mandela). I 36.000  volumi dell'intera dotazione sono stati trasferiti al pianterreno della nuova sede centrale di via Aldrovandi e andranno a costituire un fondo centrale di tutte le biblioteche di Roma che sarà messo a disposizione dell’utenza attraverso il Prestito interbibliotecario metropolitano on line, proseguendo la ricerca di un’altra sede da destinare a biblioteca". 

The reality as it is ... the reality as you want it

22 settembre - 7 ottobre 2017
Mostra / Biblioteca Guglielmo Marconi
Mostra personale dell’artista Pietro Lofaro. Inaugurazione venerdì 22 settembre ore 17
........

La realtà così com'è, la realtà così come la vuoi: una mostra che parte dalla percezione della realtà, attraverso la ricerca dell'identità e dell'elaborazione mentale. Le opere esposte pongono l'accento sul volto umano e sulle mille sfaccettature, che da esso scaturiscono; la ricerca di noi stessi, ma anche di quella parte interiore, che spesso ci mostra che cosa vogliamo essere e non che cosa siamo. Le impronte digitali sono solo il punto di partenza: come segno indiscutibile di parte della nostra identità, creano volti e nuove identità che in connessione l'una con l'altra danno vita a un'insieme, una gestalt.

L'artista, di origini calabresi, appassionato di fotografia, traspone con originalità sulla tela le immagini “rubate” alla vita quotidiana. Prolifico e poliedrico, si sofferma, fin dai primi lavori (realizzati con tecniche e materiali vari) sul volto umano che, ogni volta, racconta una storia di ricerca sull'immagine, prima di tutto fotografica. L'intento pittorico è guidato dallo sguardo, mai banale, sull'altro essere umano, protagonista indiscusso dell'opera, proiettato in uno scenario essenziale, ma sempre fortemente comunicativo.

I lavori così come esposti, sono una ricerca, ma anche un percorso di vita che aprono allo spettatore uno spiraglio sul punto di vista dell'altro e collocano l'alterità, proprio come punto di partenza; realtà individuale che diventa realtà universale. Un viaggio, un'indagine interiore verso una meta aperta.

....

invito (png)

 

 

 

Pitch in the Day, con il patrocinio di Biblioteche di Roma

23 settembre 2017
Museo MAXXI, 23 Settembre
Hai una storia nel cassetto? Vorresti incontrare i migliori produttori italiani? Aperte le iscrizioni per la seconda edizione del Pitch in the Day! unico e inimitabile speed-date cinematografico dove si incontrano giovani autori e grandi produttori .

 

Partecipa alla  seconda edizione del Pitch in the Day e avrai la possibilità di incontrare le migliori menti produttive italiane. In palio anche un premio del valore di 1000,00 euro per lo sviluppo della tua sceneggiatura!

L'evento si svolgerà al Museo MAXXI di Roma il 23 Settembre 2017 durante l'open day del festival cinematografico Roma Creative Contest.

 

A decretare il vincitore sarà una giuria d'eccezione composta, tra gli altri, da Francesco Munzi, Piero Messina, Nicole Guaglianone, Stefano Sardo, Heidrun Schleef e Filippo Gravino.

Il Pitch in the Day si rivolge ad autori emergenti che avranno la possibilità di presentare il proprio soggetto cinematografico alle più eccelse e attive produzioni italiane.

Saranno presenti alla Giornata del Pitch: Rai Cinema (La Nostra Vita, Veloce Come il Vento, ecc.), Sky (Monolith, Piuma), Lucky Red (Il Nastro Bianco, This Must Be The Place), Wildside (The Young Pope, Se Dio Vuole), Fandango (Smetto Quando Voglio, Gomorra), Indiana Production Company (Il Capitale Umano, Nessuno si salva da solo, ecc.), Cinemaundici (Anime Nere, Assolo, La Bellezza del Somaro, ecc.), Paco Cinematografica (La Migliore Offerta, La Corrispondenza, Basilicata Coast to Coast, ecc.), Gianluca Arcopinto (La Mia Classe, L’Amministratore, ecc.), e tanti altri.

Il PITCH IN THE DAY è ad oggi il più grande speed date cinematografico italiano dove giovani autori emergenti incontrano i più grandi produttori cinematografici italiani (sono accreditate produzioni del calibro di Rai Cinema, Sky, Wildside, Indiana Production, Lucky Red, Groenlandia Group, Notorius Pictures, Cattleya, Fandango, Paco Cinematografica, Cinemaundici, Arcopinto, Lotus Production, One More Production, MIR cinematografica, Lungta Film, ecc.)

 

 

I bibliopoint fanno scuola

dal 10 agosto 2017
On-line la graduatoria delle scuole che verranno finanziate attraverso i 5 milioni del bando MIUR 2016 per la promozione della lettura e per l' innovazione di spazi per la didattica e lo studio nelle scuole; 9 di esse sono già bibliopoint!

 

E’ con grande soddisfazione che accogliamo la notizia che molte scuole romane hanno vinto il bando del MIUR ( Ministero dell’Università e della ricerca scientifica) per la realizzazione di Biblioteche Scolastiche innovative aperte al territorio.

In tutto sono 83 nel Lazio, 46 a Roma e tra queste 9 sono già Bibliopoint e 11 convenzionate.

E' l'affermazione a livello nazionale di un modello nato dentro le Biblioteche di Roma nel 2003 e cresciuto attraverso l'impegno e la passione di molti insegnanti, studenti e bibliotecari.

Il finanziamento è insieme il riconoscimento ad un grande lavoro che in questi anni è stato fatto dalle scuole e dalle Biblioteche di Roma un modello nuovo per realizzare quell'idea di scuola come centro culturale polivalente per alunni, famiglie e territorio e per le biblioteche la possibilità di offrire quella rete necessaria a diffondere gli strumenti della lettura in tutta la città.

E' un progetto complesso che ci apre ad una grande sfida e che vede la partecipazione ed il coinvolgimento di scuole, rete dei Bibliopoint , biblioteche, centri culturali, università, associazioni.

Una sfida per le scuole e le Biblioteche che raccoglieremo con tutta l'energia necessaria, una vera rivoluzione che riscrive l’identità della biblioteca scolastica, che si fa vero e proprio bibliopoint a disposizione non solo di studentesse e studenti, ma della cittadinanza, diventando centro digitalizzato di documentazione e informazione culturale e linguistica nel territorio, aperto anche alla realizzazione di eventi."

Il bando di finanziamento per progetti di biblioteche scolastiche innovative era stato lanciato dal Miur a maggio del 2016, la cui graduatoria finale è stata pubblicata ieri a questo indirizzo:http://www.istruzione.it/allegati/2017/Graduatoria_Biblioteche_Scolastiche_Innovative.pdf.

Oltre 3.000 le proposte presentate da parte delle scuole e successivamente valutate da un'apposita commissione.

Come si legge nel comunicato stampa del Miur, Sono poi pronti altri 5 milioni (2,5 provenienti dai fondi 2016 della ex legge 440 e altri 2,5 dalle risorse 2017 del Piano Nazionale Scuola Digitale) che consentiranno di finanziare, a settembre, ulteriori 500 progetti scorrendo la graduatoria pubblicata ieri. Per un totale di 1.000 biblioteche innovative.

 

Di seguito l'elenco dei bibliopoint e delle scuole convenzionate vincitrici del bando:

 

BIBLIOPOINT

5   LICEO CLASSICO STATALE GIULIO CESARE

29  I.C. GIORGIO PERLASCA

56  I.C. VIA FERRAIRONI (IQBAL MASIH)

108 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE VIA TOMMASO SALVINI

111 LICEO CLASSICO E. MONTALE

143 I.C. MOTTA CAMASTRA

144 LICEO SCIENTIFICO B. CROCE 

236 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE IEINSTEIN-BACHELET

369 ITAS G. GARIBALDI

 

CONVENZIONE

84 I.C. STATALE SOLIDATI TIBURZI

85 I.C. G. PALLAVICINI

107 I.C. VIA MAFFI

147 LICEO SCIENTIFICO STATALE C. CAVOUR 

189 I.C. VIA LAURENTINA 710

193 I.I.S. FEDERICO CAFFE

292 I.C. VIA CASAL BIANCO

293 I. C. VIA DELLE CARINE

297 LICEO CLASSICO STATALE PLAUTO

298 LICEO STATALE FARNESINA SCIENTIFICO - MUSICALE

299 LICEO SCIENTIFICO STATALE ARISTOTELE

363 I.C. MARTA RUSSO

483 I.C. LARGO ORIANI

 

 

 

Tornare in forma

Recuperiamo lo slancio vitale

BiblioTu per i Bambini

Per i piccoli fino a 6 anni e bambini fino a 10 anni
In biblioteca troverai uno spazio con un tappeto morbido, seggioline e tanti libri colorati da guardare o da ascoltare durante le letture ad alta voce.
Iscrivere i bimbi alle Biblioteche di Roma fin da piccolissimi così potranno scegliere tra primi libri, storie illustrate, filastrocche, poesie, favole. Partecipare alle attività organizzate dalle biblioteche e incontrarsi con altri bambini.

BiblioTu per i Ragazzi

Per i ragazzi da 11 a 14 anni
Entra in una delle Biblioteche di Roma, troverai i tuoi libri preferiti, potrai farti consigliare dai bibliotecari.
Partecipa alle attività fatte apposta per te: a tua disposizione tanti corsi, laboratori, incontri e letture. Vieni in biblioteca insieme ai tuoi genitori, insegnanti, nonni e amici. In biblioteca puoi studiare e fare i compiti,connetterti a internet tramite Wi-Fi per navigare e fare le tue ricerche.

Community dei lettori

Vai ai commenti dei lettori

Vivo per questo
Issaa, Amir
18/09/2017
Biblio circolo
Una biografia che sembra un romanzo, quella di Amir Issaa, capace di catapultarci dentro il mondo sconosciuto della sottocultura giovanile romana, che ha mosso i suoi primi passi negli anni '90 attraverso l'esperienza del mondo degli skater, del writing (poi evolutasi nella street art), e del rap di strada. Amir - figlio di un'italiana e di un immigrato egiziano finito nel circuito dell'illegalità - ci mette di fronte a un percorso di vita interamente votato alla sofferta ricerca di un'identità che lo salvi da quel senso di precarietà esistenziale in cui la sua condizione "liquida e anonima" lo aveva relegato. Il giovane farà la scoperta di una realtà alternativa, parallela a quella ufficiale, nata ad opera di un manipolo di giovani che subivano sulla propria pelle un comune sentimento di esclusione e per questo divenuti, per ribellione e insofferenza, artefici di codici e linguaggi nuovi in grado di dar voce a quegli invisibili che da sempre popolano le periferie urbane e a cui la società istituzionale non ha mai lasciato vero spazio per esprimersi o raccontarsi. In questo semplice ma sentito racconto di vita, la scuola ci appare fallimentare nel suo tentativo di riscattare dalla rabbia una gioventù cresciuta in contesti difficili, e per questo spesso destinata ad ingrossare le fila di quegli individui votati alla delinquenza o all'emarginazione. Eppure per chi, come Amir, non si arrende a un futuro già segnato da una società che non riesce a integrare gli ultimi, l'unica chance che rimane è quella di battersi attraverso nuove armi, istintivamente costruite per sfidare il sistema, per rivendicare il proprio diritto ad esserci e ad essere. Fare writing - sfidando i divieti imposti dal decoro urbano - o fare rap - sfidando il dogma del creare musica soltanto conoscendone le regole - altro non è se non il grido degli ultimi che reclamano il diritto ad uscire dal loro status di fantasmi, di poter esprimere qualcosa di sé con un linguaggio che solo gli adepti possono afferare fino in fondo. Sarà quindi la scoperta della dimensione del fare musica che indicherà ad Amir una strada nuova, plasmata dalle forme e dai colori della conquista personale, equidistante tanto dal destino tracciato dall'universo scolastico quanto da quello illegale, misero frutto di un mondo sommerso e fatiscente. Il rapper si dimostra un narratore schietto e sincero: per lui l'essere riuscito a fare musica partendo da zero assume infatti la valenza di un riscatto sociale, del grido di chi si "vanta" di essere riuscito a possedere qualcosa pur non avendo mai posseduto nulla prima. Amir si rifa al rap americano, più che a quello italiano, lì dove l'istanza individualista sopravanza quella sociale e/o socialista, visto che l'ostentazione nei video e nei testi per il possesso di beni materiali si riveste del segno di una rivalsa personale nei confronti di un passato costellato di miseria e deprivazione. Quello che per un osservatore distratto è espressione di pura superficilità materialista, ad un occhio più attento potrà invece sembrare un canto di vittoria del singolo chesi eleva al di sopra delle macerie circostanti. Ma la conquista più significativa sarà forse comprendere che l'essenza di ciò che realmente siamo è simile a un mosaico iridato da mille sfumature, plasmato da lasciti ormai lontani seppur dimenticati, crogiolo di eredità ibride non riconducibili a un'idea monolitica di ciò che intendiamo per identità.
La Scoperta dell'America e altri sonetti
Pascarella, Cesare
18/09/2017
Cesare Pascarella.
Dei 3 poeti "in romanesco" Cesare Pascarella è forse il meno noto, ma,probabilmente,il più equilibrato. I suoi versi non sono mai pervasi dalla "vis" carnascialesca che contraddistinse Giuseppe Gioachino Belli, né raggiungono la sottile, ma pungente, arguzia di Carlo Alberto Salustri (in arte Trilussa). I suoi sonetti vengono assaporati e goduti come le ciliegie: uno tira l'altro. Dalle sue rime baciate emerge un'Italia ottocentesca tristemente povera, decisamente incolta, eppure incredibilmente ricca di cuori generosi e di sentimenti perfino nobili, ove la parola data era sacra e chi non la manteneva era bollato come "infame" e perciò meritevole d'una "puncicata" con il miglior amico dell'uomo: il coltello a serramanico con lama da 25 cm., i cui effetti erano sempre micidiali e sovente esiziali. "La scoperta dell'America" miscela sagacemente la storia del 1492,smitizzando Cristoforo Colombo (morto povero in canna) e lanciando strali satirici sia al Papa sia ai politici piemontesi in stile simil-Pasquino. Come un abile pittore impressionista,Pascarella dipinge con robuste pennellate un'Italia ancora permeata di senso dell'onore e cavalleria verso il gentil sesso, non invasa da cinema e televisione, con cervelli ancora non plagiati da orpelli pubblicitari né farciti da status-symbol: insomma un'Italia distante anni-luce dalla nostra attualità. Ma si sa: il progresso non conosce la retromarcia ed in ogni caso il rimpianto è un'occupazione sterile. Alberto Pallotti.

Scarica l'APP delle Biblioteche

Con BiblioTu le tue biblioteche sono sempre con te (a casa, per strada, in ufficio, …), aperte h24, propositive e coinvolgenti.
Il tutto comodamente dal tuo smartphone.

Installa BiblioTu sul tuo smartphone e prova la lettura degli ebook …. è semplice!